Mercoledì 01 Marzo 2017 - 14:00

Corona resta in carcere. Corte Cassazione: Ricorso inammissibile

L'ex re dei paparazzi era stato arrestato lo scorso 10 ottobre

Corona resta in carcere. Cassazione: Ricorso inammissibile

Fabrizio Corona deve restare in carcere. La Corte di Cassazione, infatti, ha ritenuto "inammissibile" il ricorso presentato dall'ex re dei paparazzi e dai suoi legali contro la decisione del tribunale del Riesame di Milano del 27 ottobre scorso, che ha confermato la misura cautelare per Corona. L'agente fotografico era stato arrestato il 10 ottobre per intestazione fittizia di beni, sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte e violazione delle norme patrimoniali relative alle misure di prevenzione.

Nella casa della sua collaboratrice Francesca Persi, finita anche lei a San Vittore e adesso agli arresti domiciliari, la polizia aveva trovato 1,7 milioni di euro in contanti nascosti in un controsoffitto. Altri 900 mila euro, invece, erano depositati in due cassette di sicurezza  a Innsbruck, in Austria.

Il verdetto della Suprema Corte è stato emesso dalla Seconda sezione penale. Il processo milanese per Corona e Persi, ancora alle battute iniziali, riprenderà il prossimo 9 marzo.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Maltempo a Roma

Meteo, fine settima variabile: vento forte e neve abbondante sulle Alpi

Le temperature saranno altalenanti: in calo sabato, in temporaneo rialzo domenica, torneranno a diminuire ancora nella giornata di lunedì

Salute, brusco aumento dei casi di influenza: in oltre 2 milioni a letto

Non solo la spremuta d'arancia, tutti i rimedi della nonna contro l'influenza

Gli agricoltori svelano i segreti per curare i malanni di stagione

Questura Milano - Arrestati tre italiani per spaccio, detenzione di armi e ricettazione

Dalla droga alla prostituzione, gli italiani spendono 19 miliardi in attività illegali

E il valore è aumentato negli ultimi 4 anni. La Lombardia è la regione con più elevato numero di segnalazioni