Mercoledì 13 Settembre 2017 - 11:00

Corona dice no alla comunità: "Farà sciopero della fame"

La decisione del Tribunale di sorveglianza. Il legale: "E' molto determinato"

Tribunale Milano: Fabrizio Corona condannato a un anno, assolto per due reati

Il Tribunale di sorveglianza ha respinto la richiesta di affidamento comunitario per Fabrizio Corona". Lo hanno detto i legali dell'ex fotografo dei vip Ivano Chiesa e Antonella Calcaterra. "Era stato chiesto che Corona fosse affidato a una comunità a 180 km di distanza da Milano in un regime molto controllato, perché così operano le comunità", ha aggiunto l'avvocato Calcaterra, precisando che la soluzione era stata individuata con il parere favorevole di tutti gli operatori del carcere che da ottobre scorso hanno lavorato con Corona.

"Fabrizio ha intenzione di fare lo sciopero della fame". Lo ha detto l'avvocato Ivano Chiesa, che difende l'ex re dei paparazzi con la Calcaterra. "Noi abbiamo cercato di dissuaderlo - ha spiegato il legale - ma Fabrizio ha il carattere che ha e è molto determinato. Adesso chiederemo l'affidamento ai servizi sociali sul territorio. Sarà

  il Tribunale di Sorveglianza in sede collegiale a decidere".

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Brescia, bimba di un anno muore azzannata da due pitbull

Brescia, bimba di un anno muore azzannata da due pitbull

E' successo nel comune di Flero. Ferito il nonno

Giornata mondiale della donazione del sangue

Chikungunya, primi casi in Marche e Lombardia

Raccolte straordinarie di sangue in tutta Italia

Sanità, ditta protesi corrompeva chirurghi: 21 indagati

Sanità e corruzione, chirurghi pagati da una ditta di protesi: 21 gli indagati

Misure cautelari e perquisizioni nell'operazione della guardia di finanza di Milano

Sequestro di madre e figlia fuori dal centro commerciale Valecenter di Venezia

Promoter decapitata: convalidato l'arresto dell'ex vicino di casa

Nel corso dell'interrogatorio di garanzia, l'uomo, che vive con la moglie, si è avvalso della facoltà di non rispondere