Martedì 11 Ottobre 2016 - 15:00

Corona, interrogatorio di garanzia fissato per giovedì mattina

Dopo di lui sarà sentita Francesca Persi, difesa dal legale Cristina Morrone

Corona, interrogatorio di garanzia fissato per giovedì mattina

Si terrà giovedì mattina alle 11 nel carcere milanese di San Vittore l'interrogatorio di garanzia di Fabrizio Corona, arrestato ieri per intestazione fittizia di beni assieme alla sua collaboratrice Francesca Persi. Titolari dell'inchiesta sono il procuratore aggiunto di Milano Ilda Boccassini e il pm Paolo Storari. Nel corso delle indagini, condotte dalla Squadra Mobile di Milano, è stato trovato un 'tesoretto' da 1,7 milioni di euro nel controsoffitto della casa di Persi, titolare, almeno sulla carta, dell'agenzia Atena Srl, di cui secondo gli inquirenti Corona era amministratore di fatto.
 

Altri soldi, si parla di una cifra che va da 1 a 1,5 milioni di euro, sono stati trovati in un conto di una banca di Innsbruck, in Austria, sempre riconducibile a Corona. Li avrebbe depositati la stessa Persi nell'agosto del 2016. Si tratterebbe di compensi in nero per serate nei locali e comparsate di Corona a eventi e inaugurazioni, accumulati dopo che nel giugno del 2015 il tribunale di Milano ha concesso all'ex fotografo dei vip l'affidamento in prova ai servizi sociali. Corona, difeso dai legali Ivano Chiesa e Antonella Calcaterra, sarà interrogato dal gip Paolo Guidi. Dopo di lui sarà sentita Francesca Persi, difesa dal legale Cristina Morrone.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Macerata, Oseghale spostato nel carcere di Ascoli, lontano dagli altri indagati

L'uomo, arrestato per l'omicidio della 18enne, è stato trasferito in un altro penitenziario

Pioggia a Milano

Pioggia no-stop su tutta Italia: il meteo del 18 e 19 febbraio

Le previsioni in Italia a cura dell'Aeronautica militare

Ministério da Agricultura garante que não há riscos para o consumo de carne

Cresce mercato cibo italiano, ma nel piatto è falso 1/4 dei made in Italy

Al via la petizione #stopcibofalso per chiedere al Parlamento Europeo che i consumatori abbiano la possibilità di conoscere da dove arriva il cibo che portano in tavola