Giovedì 17 Dicembre 2015 - 23:15

Coppa Italia: Niang e Bacca affondano la Samp

Buone notizie per Mihajlovic, soprattutto nell'atteggiamento dei suoi giocatori, concreti, cinici e capaci di stringere i denti nei momenti di sofferenza

Bacca in azione

Niang e Bacca lanciano il Milan a Marassi e Mihajlovic può guardare al futuro con un po' più di serenità. Se il cammino in campionato si fa sempre più in salita, i rossoneri possono sorridere in Coppa Italia. Il successo sulla Sampdoria (2-0) permette al Diavolo di accedere ai quarti, dove l'avversaria sarà il sorprendente Carpi ieri vittorioso sulla Fiorentina e poi, in caso di passaggio del turno, la vincente di Spezia-Alessandria. Un tabellone sulla carta favorevole, ma le buone notizie per Mihajlovic arrivano soprattutto dall'atteggiamento dei suoi giocatori, concreti, cinici e capaci di stringere i denti nei momenti di sofferenza. Incassa, invece, un'altra delusione Montella: anche se la Sampdoria, costretta a giocare gli ultimi 25' in dieci per l'espulsione di Zukanovic, è apparsa decisamente migliorata rispetto alle ultime uscite. Il tecnico rossonero si affida ai migliori: in avanti al tandem Niang-Bacca, Luiz Adriano si accomoda in panchina. A centrocampo spazio a Kucka e Bertolacci.

Accenni di turnover per Montella, che deve pensare a raddrizzare la situazione in campionato. Senza Eder, in attacco ci sono Bonazzoli e Muriel. Primo tempo divertente. Parte meglio la Sampdoria, che mantiene il possesso della palla ed impegna la difesa rossonera. Gradualmente il Milan prende coraggio e si rende pericoloso con Bonaventura che chiama all'intervento Viviano dopo un gran spunto. Ci prova quindi Niang, in mezza girata: palla fuori di pochissimo. Prima dell'intervallo si fanno vedere i blucerchiati in contropiede, Muriel scarica il sinistro dal limite ma trova l'ottima risposta in angolo di Abbiati. Il portiere rossonero è attento anche sul successivo tentativo di Carbonero. Si va alla ripresa e al 5' il Milan sblocca il risultato: Bacca vede il movimento di Niang, l'ex Genoa supera Zukanovic e trafigge Viviano per il vantaggio rossonero. La replica della Samp è in un tentativo di Muriel che entra in area dopo un errore di Mexes, il colombiano però ritarda troppo la conclusione e viene stoppato. Il Milan comunque chiude bene gli spazi e la Samp fatica a rendersi pericolosa. Si mette in evidenza Bacca, che va al tiro dopo essersi liberato di Zukanovic: lo stesso sloveno salva. Al 20' tegola sui blucerchiati, che perdono Zukanovic al secondo giallo, rimediato per proteste. I rossoneri possono ora gestire vantaggio e superiorità numerica, la strada si mette in salita invece per Montella, che sceglie di giocare la carta Cassano: il barese rileva Muriel. Ma è ancora il Milan a sfiorare il gol, con Bacca che arriva in ritardo di pochissimo sul tiro-cross di Niang. In pieno recupero chance per Cassano che scarica il destro dai 25 metri, sfiorando il palo sinistro di un nulla. A chiudere i giochi è Bacca: il colombiano riceve da Honda, si libera di Moisander e con grande freddezza batte Viviano per il raddoppio. Un successo fondamentale per Mihajlovic, che vede la sua posizione in panchina un po' più solida.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Giro d’Italia U23: a Rubio la quinta tappa. Williams indossa la maglia rosa

Il colombiano chiude davanti al nuovo leader della generale e al kazako Natarov. Lontani gli italiani: Caiati, il migliore, è sedicesimo. Mercoledì la sesta giornata su LaPresse dalle 17:00

ENG, UEFA CL, Manchester City vs FC Liverpool

Da Guardiola 150mila euro per riparare la nave di Proactiva Open Arms

Un gesto importante per sostenere la ong catalana che si occupa di primo soccorso e salvataggi in mare

Calcio a 5, finali scudetto: l'Acqua&Sapone è campione d'Italia

Per gli abruzzesi è il primo tricolore. Battuta, dopo cinque partite e una serie intensissima, la Luparense detentrice del titolo. Sesto scudetto per Edgar Bertoni, che raggiunge Humberto Honorio, capitano dei veneti

Astori, secondo la nuova perizia il giocatore non è morto nel sonno, è stata 'tachiaritmia'

Forse il capitano della Fiorentina si sarebbe salvato se avesse condiviso la camera con qualcuno che poteva dare l'allarme