Mercoledì 16 Dicembre 2015 - 23:30

Coppa Italia, Napoli 3-0 all'Hellas Verona

In scioltezza i partenopei passano il turno regolando i veronesi nella corsa alla coppa nazionale

151222-215135_3226.jpg

A differenza di Fiorentina e Roma, il Napoli non stecca in Coppa Italia. Dopo aver ottenuto un punto nelle ultime due partite in Serie A, la squadra di Sarri torna a vincere e convincere battendo al San Paolo con un 3-0 che non ammette repliche l'Hellas Verona, concentrato su un difficile recupero in campionato e sceso in campo con una formazione ampiamente rimaneggiata. Sono bastati poco più di dieci minuti ai padroni di casa per mettere le cose in chiaro: i sigilli di El Kadoduri e Mertens hanno spianato la strada ai partenopei, che hanno gestito da lì in poi la partita per poi calare il tris nel finale. Ai quarti di finale il Napoli attenderà, sempre al San Paolo, l'Inter, in un match che si annuncia incandescente e carico di aspettative visto quanto accaduto nello scontro diretto in campionato. Sarri opta per un turnover limitato: Higuain occupa la sua posizione al centro dell'attacco affiancato da Mertens ed El Kaddouri. Oltre a Insigne, rifiatano a centrocampo anche Jorginho e Hamsik.

 

Spazio a David Lopez e Valdifiori. In difesa turno di riposo per gli esterni Ghoulam e Hysaj, sostituiti da Maggio e Strinic. Dalla parte opposta Delneri rinuncia a Toni, neanche in panchina, e schiera Wszolek come unica punta. Al primo affondo il Napoli passa in vantaggio: al 4' Higuain, nelle inedite vesti di assist-aman, si invola sulla fascia sinistra e mette in mezzo un pallone sul secondo palo per El Kaddouri, che da due passi tutto solo a porta sguarnita non può sbagliare. Tre minuti dopo il Napoli raddoppierebbe con Higuain, ma l'arbitro annulla giustamente per fuorigioco. Il 2-0 comunque è solo rimandato di qualche secondo. Al 12' Mertens fa tutto da solo: salta un paio di avversari, entra in area e fa partire una conclusione imprendibile per Coppola. Dopo un inizio da incubo l'Hellas prova a scuotersi con un tentativo di Siligardi che finisce sull'esterno della rete. Al 25' Higuain avrebbe la palla del 3-0 che chiuderebbe la partita, ma l'argentino sbaglia tutto solo davanti al portiere tentando un improbabile pallonetto che termina tra le braccia di Coppola. I veronesi non sembrano in grado di opporre resistenza al maggior tasso tecnico dei campani, e rischiano ancora di capitolare al 32' quando un colpo di testa di Bianchetti favorisce Mertens, che ci prova per due volte (una di testa, l'altra in spaccata) senza fortuna.

 

Nel finale lampo del Verona: Checchin riceve palla all'indietro da Wszolek e lascia partire un tiro a giro preciso che scavalca Reina ma finisce contro la traversa. Nella ripresa i padroni di casa addormentano la partita cercando di gestire il risultato. Higuain però pare non accontentarsi e sfiora in due occasioni il tris al 16' e al 17'. A risultato ormai potenzialmente acquisito Sarri risparmia qualche minuto ai suoi big in vista della gara con l'Atalanta di domenica togliendo Allan e Higuain e inserendo Callejon e Chalobah. Al 29' l'arbitro concede un rigore per un fallo subito da Mertens, ma dal dischetto Hamsik (entrato nella ripresa) colpisce in pieno il palo. Il 3-0 è solo rinviato di un paio di minuti grazie al tocco di Callejon da distanza ravvicinata dopo un ottimo spunto di El Kadoduri sulla destra. L'Hellas saluta così senza troppi rimpianti la Coppa Italia, mentre il Napoli continua la propria corsa e si candida a una delle principali favorite per il successo finale.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Giro d’Italia U23: a Rubio la quinta tappa. Williams indossa la maglia rosa

Il colombiano chiude davanti al nuovo leader della generale e al kazako Natarov. Lontani gli italiani: Caiati, il migliore, è sedicesimo. Mercoledì la sesta giornata su LaPresse dalle 17:00

ENG, UEFA CL, Manchester City vs FC Liverpool

Da Guardiola 150mila euro per riparare la nave di Proactiva Open Arms

Un gesto importante per sostenere la ong catalana che si occupa di primo soccorso e salvataggi in mare

Calcio a 5, finali scudetto: l'Acqua&Sapone è campione d'Italia

Per gli abruzzesi è il primo tricolore. Battuta, dopo cinque partite e una serie intensissima, la Luparense detentrice del titolo. Sesto scudetto per Edgar Bertoni, che raggiunge Humberto Honorio, capitano dei veneti

Astori, secondo la nuova perizia il giocatore non è morto nel sonno, è stata 'tachiaritmia'

Forse il capitano della Fiorentina si sarebbe salvato se avesse condiviso la camera con qualcuno che poteva dare l'allarme