Martedì 04 Aprile 2017 - 23:00

Coppa Italia, alla Roma non basta Salah: Lazio ko ma vola in finale

Vittoria inutile per i giallorossi, che battono 3-2 i biancocelesti. Inzaghi sfiderà una tra Juve e Napoli

Roma vs Lazio - Ritorno semifinale Coppa Italia 2016/2017

 L'Aquila biancoceleste vola alta nel cielo di Roma. In un Olimpico finalmente con una coreografia degna del derby dopo la rimozione delle barriere ed oltre 43mila persone sugli spalti la Lazio si qualifica con pieno merito all'atto finale della Coppa Italia. Una squadra matura che sa soffire e colpire. Scendere in picchiata e catturare la preda, proprio come il rapace che la contraddistingue. E' anche la vittoria tattica di Simone Inzaghi su Luciano Spalletti e la sua Roma manovriera ma anche incapace di fare male all'avversaria quando conta e tanto, troppo, sbadata in difesa. Il tardivo forcing serve ai giallorossi solo per la più classica delle vittore di Pirro. Napoli e Juventus sono avvertite. Chiunque dovrà vedersela con Biglia e compagni in finale avrà un esame tutt'altro che semplice da superare.

La Roma parte con il gas aperto ed ha subito un'occasione per indirizzare la sfida. Palla di Emerson per Dzeko con il bosniaco che da pochi passi non trova la porta. La Lazio risponde con Immobile ma anche il centravanti biancoceleste non riesce ad indirizzare la sfefa verso i pali di Alisson. Il tema tattico della gara è subito chiaro. La Roma fa possesso palla mentre la Lazio controlla e riaprte in contropiede con le sue frecce. I giallorossi, pur macinando gioco, fannocomunque fatica a creare pericoli. Dopo venti minuti ci prova El Shaarawy con un diagonale smanacciato da Strakosha, poi Salah non trova il tempo per il tap-in. L'atmosfera in campo è elettrica ed un scontro di gioco alla mezzora fra Dzeko e Bastos scalda ulteriormente gli animi. Rizzoli deve fare ricorso a tutta la sua esperienza per riportare la calma. Uno dei più nervosi è Nainggolan. Il belga prova a sfogare la sua frustrazione con una potente conclusione dalla distanza ma il suo tiro è ampiamente sul fondo. Alla frenesia della Roma la Lazio risponde con compattezza e cinismo trovando il bersaglio grosso alla prima vera grande occasione da gol al 37esimo. Immobile vince un contrasto in area con Manolas e spara verso Alisson, il portiere brasiliano è pronto nell'intervento ma la sfera finisce sui piedi di Milinkovic Savic che appoggia a porta vuota per il delirio del popolo laziale. La squadra di Spalletti traballa e sembra pronta a capitolare da un momento all'altro. A rimetterla in gioco prima dell'intervallo uno svarione del fino a quel momento perfetto De Vrij. Il centrale olandese buca l'ìintervento su un cross di Rudiger consentendo ad El Shaarway di battere Strakosha con un preciso tocco di piatto.

Le squadre rientrano dall'intervallo con un doppio cambio. Nella Lazio esce De Vrij ed entra Hoedt mentre Spalletti lascia negli spogliatoi Juan Jesus per il più offensivo Bruno Peres con Rudiger che torna nel ruolo di centrale. La Roma attacca a testa bassa ma la prima occasione della ripresa è laziale con Immobile dopo palla persa a centrocampo di Paredes. E' il preludio del colpo del ko che arriva all'undicesimo. Grossolano errore della difesa romanista che sbaglia completamente il fuorigioco lasciando Immobile libero di andare uno contro uno verso Alisson e batterlo con precisione. La Lazio prova a controllare la gara ma non è il mestiere che la squadra di Inzaghi sa fare meglio. In casa Roma il migliore si conferma El Shaarawy. Il 'Faraone' indomito salta Bastos e conclude di destro con palla che sbatte sul palo. Il più lesto è Salah che sigla il gol del nuovo pareggio romanista. Spalletti manda in campo Perotti, e toglie incompresibilmente El Shaarawy. Il nuovo entrato cade subito in area dopo un contatto con Bastos. Per Rizzoli è simulazione. Nell'assalto all'arma bianca entra in campo anche Totti ma neanche il simbolo della Roma può cambiare le sorti di una doppia sfida ormai segnata. Che per i giallorossi non sia serata lo dimostra la parata di piede da parte di Strakosha su botta da distanza ravvicinata di Salah. L'egiziano nel finale si toglie poi la soddisfazione personale di siglare il gol della vittoria nella sfida e la doppietta personale. Nulla però in confronto all'estasi della Lazio che festeggia sotto la curva con i suoi tifosi.

Scritto da 
  • Andrea Capello
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Real Madrid v Liverpool - UEFA Champions League - La Finale

Calcio, Ronaldo verso l'addio: "E' stato bello giocare nel Real"

Ma nessuno è in grado di dire dove potrebbe andare. Il presidente Perez: "Si parla sempre di lui, poi non succede nulla"

FBL-EUR-C1-LIVERPOOL-REAL MADRID

Champions League, Real Madrid ancora campione: Bale travolge il Liverpool

I Blancos conquistano la terza Coppa consecutiva: gol di Benzema e doppietta di Bale. salah esce in lacrime per un infortunio provocato da Ramos. I Reds ci provano con Manè ma le papere del portiere Karius incoronano la squadra di Zidane

Finale Champions, Real Madrid v Liverpool

Real Madrid vince la Champions. Liverpool in lacrime perde 3-1

Salah esce per infortunio. Gol di Benzema e doppietta di Bale. Mane pareggia per i Reds ma è tutto inutile

Liverpool v Real Madrid 2018 Champions League Final Package

Salah carico: "La finale di Champions è un sogno, voglio vincere"

L'egiziano si prepara alla sfida con il Real: "Dovremo solo concentrarci e non pensare a nulla del passato"