Domenica 29 Novembre 2015 - 20:45

Coppa Davis: Murray batte Goffin, trionfo Gran Bretagna

L'inglese ha sconfitto in tre set (6-3, 7-5, 6-3) David Goffin dopo quasi tre ore di gioco

Grande festa per Andy Murray

Trionfo per la Gran Bretagna nella finale della Coppa Davis 2015, in corso tra britannici e Belgio a Gand. Il punto decisivo, che suggella il 3-1 finale, è arrivato nel terzo singolare di oggi, dove Andy Murray ha sconfitto in tre set (6-(3, 7-5, 6-3) David Goffin dopo quasi tre ore di gioco. É il decimo successo britannico nella competizione, il primo dopo 79 anni di digiuno. Nella speciale classifica dei plurivincitori della Davis la Gran Bretagna è l'unica squadra ad aver partecipato a tutte le edizioni della gara e occupa il terzo posto con dieci trofei alle spalle di Stati Uniti (32) ed Australia (39). Per la sua prima Coppa, invece, il Belgio deve ancora attendere. Lo scozzese aveva vinto entrambi i precedenti senza concedere un set: nel primo set Ssubito una palla-break per il numero 2 del mondo nel secondo gioco ma Goffin annulla. Nel quinto gioco è lo scozzese ad annullare una chance per il belga.

 

Nel sesto gioco Murray gioca il game perfetto alla risposta e strappa a zero la battuta a Goffin (4-2). Nell'ottavo gioco il belga annulla due set-point consecutivi ma nel game successivo Murray non perdona (63). Nel secondo gioco della seconda frazione Goffin si procura una palla-break ma ancora una volta è la prima di servizio a salvare Murray. Nel gioco successivo - interminabile (16 punti) - è lo scozzese a non sfruttare due chance per strappare il servizio all'avversario. Il break di marca british arriva in un undicesimo gioco in cui a Goffin va tutto storto: prima un rimbalzo anomalo, poi una "steccata" di diritto quindi ... un Murray gigantesco dall'altra parte della rete. Nel game successivo, con un incredibile diritto incrociato giocato dopo uno scambio di 30 colpi, Andy chiude anche il secondo parziale (75) e per i supporter con la Union Jack stampata su T-shirt, cappellini e volti la mitica "insalatiera" è davvero vicina. Nel terzo set Goffin tenta l'ultima, disperata reazione: salva due palle break nel primo gioco ma poi è lui a strappare la battuta al britannico salendo 2-0. Ma Murray lo riagguanta immediatamente (2-2). Nel sesto gioco Andy salva una palla-break con un servizio vincente: 3-3. Scampato il pericolo Murray si gasa, Goffin si disunisce ed offre tre palle-break di fila: allo scozzese basta la prima per centrare il break e salire 4-3. Non c'è più nulla da fare per David: Andy chiude (63) con un grande scambio suggellato da un pallonetto finale. Per Murray la Coppa Davis arriva dopo la medaglia d'oro ai Giochi Olimpici di Londra 2012 e gli Us Open 2012.

 

"E' stato incedibile quello che Andy è riuscito a fare in tutto quest'anno - ha detto il capitano britannico Leon Smit - ma sono orgoglioso di tutta la squadra". Undici vittorie su undici match disputati nel 2015 (8 singolari e 3 doppi): è un dato di fatto che con la maglia della nazionale è difficile battere Murray. Del resto in questi anni ci sono riusciti solo Stan Wawrinka, nel 2005, e Fabio Fognini, lo scorso anno a Napoli: per il resto sono state 29 vittorie. "Non avevo mai provato queste sensazioni è stata un'annata davvero dura. Non posso ancora crederci - ha commentato a caldo il tennista con gli occhi lucidi - Il supporto della mia famiglia e di Jamie in panchina mi ha aiutato davvero tanto. Il match-point? E' stato un modo davvero incredibile di chiudere questa partita".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Il Lombardia 2017 - Bergamo - Como - 247 km

Ciclismo, calcio, volley: ecco la tv sportiva su Lapresse.it

Dalla Ciclismo Cup, al Futsal e ai tornei giovanili di calcio. Dal beach volley al pugilato alla Mtb. Con PmgSport, un palinsesto online per chi ama lo sport

Pyeongchang 2018, atleti russi ricorrono al Tas contro l'esclusione dai Giochi

Ieri il provvedimento del Cio dopo il coinvolgimento del Paese nello scandalo doping. Wada: "Decisione consapevole"

Scandalo doping, Russia esclusa da Pyeongchang 2018

Ma alcuni atleti potranno gareggiare ugualmente sotto la bandiera olimpica

Diritti tv, MP & Silva: "Mai avuto rapporti 'riservati' con Galliani"

Il gruppo in una nota: "Ogni riferimento alla MP & Silva apparso sulla stampa è erroneo"