Martedì 07 Novembre 2017 - 12:00

Cop23, il mondo riunito a Bonn per affrontare il Climate Change - La Videoscheda

Fino al 17 novembre, nella città tedesca la Conferenza che deve decidere come applicare l'accordo di Parigi

Opening session of the COP 23 UN Climate Change Conference in Bonn

La prima COP presieduta da uno Stato insulare dell'Oceano Pacifico, le Isole Fiji, tra i più vulnerabili alle conseguenze del cambiamento climatico, si tiene nell'umida e fredda Bonn; meno fredda di quanto ci si potesse aspettare, comunque, ma certo non un paradiso tropicale. Da ieri al 17 novembre, infatti, si tiene nella città tedesca, la COP23, Conferenza delle Parti della Convenzione sul Cambiamento Climatico dell'ONU. Sul tavolo, le questioni chiave dell'accordo di Parigi e gli strumenti per limitare il riscaldamento globale al di sotto di 1.5°C. Quasi un anno dopo essere entrato in vigore - a tempo di record - l'accordo sta per diventare operativo: è dunque indispensabile che gli Stati definiscano le linee guida per l'implementazione dell'accordo, per far sì che questo sia davvero effettivo a partire dal 2020. La COP deve anche lanciare un processo per incoraggiare i governi nazionali ad aumentare l'ambizione dei propri obiettivi nazionali a partire dal 2020. Coerentemente con la decisone della COP di Parigi (2015)  di valorizzare il ruolo gli attori non statali.

Loading the player...

Diplomatici, scienziati, lobbisti e ambientalisti da 195 paesi prenderanno la parola e i leader internazionali dovranno:  esaminare gli obiettivi prefissati dall’accordo di Parigi del 2015 e decideranno le regole che i paesi dovranno rispettare per raggiungerli, inclusa una misurazione internazionale per le emissioni di CO2, dtabilire degli obiettivi per frenare le emissioni dopo il 2020 r decidere come finanziare il passaggio dai carburanti fossili alla green economy.

Per limitare l’inquinamento della ex capitale tedesca durante la conferenza è stata potenziata la flotta di biciclette e di bus elettrici, per tagliare l’uso di bicchieri di plastica ogni partecipante riceverà una bottiglia da riempire con l’acqua del rubinetto e il ministro dell’ambiente della Germania investirà parte dei fondi in progetti di energia rinnovabile per compensare le emissioni prodotte dallo spostamento delle persone che hanno raggiunto Bonn in aereo per l’occasione.

Ospitare la conferenza alle Fiji avrebbe messo a dura prova le risorse del paese del Pacifico e il viaggio per raggiungerle sarebbe stato un incubo per migliaia di delegati. Bonn si è proposta di ospitare l’evento perché è sede dell’agenzia Onu per il cambiamento climatico, ma il 40% dell’elettricità tedesca, nonostante la Germania si descriva come uno dei paesi leader nella lotta al surriscaldamento globale, viene ancora prodotto negli impianti a carbone.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

EGYPT-UNREST-CHURCH-ATTACK

Sudan, naufragio sul Nilo: muoiono 22 bambini e una donna

La barca è affondata a causa di un guasto al motore

La nave Aquarius torna in mare a Marsiglia

Aquarius attracca a Malta: migranti accolti da sei Paesi Ue

Dopo tre giorni di attesa in mare, la nave dell'Ong arriva al porto di La Valletta: dei 141 a bordo 67 sono minori non accompagnati

Israele, Benjamin Netanyahu in conferenza stampa

Distensione in Medioriente: Israele riapre passaggio merci verso Gaza

Segnale di temporaneo disgelo tra le parti in conflitto. Ma la tregua vera è ancora lontana

Survivor voice Europa - Incontro internazionale delle vittime dei preti pedofili

Preti pedofili, 70 anni di abusi in Pennsylvania coperti dalla Chiesa

Un Grand giurì ha riconosciuto la colpa di 300 sacerdoti su oltre mille bambini