Venerdì 18 Marzo 2016 - 12:15

Contratti prematrimoniali: prima ti sposo, poi ti rovino?

Anche le persone 'comuni' sembrano sempre più intenzionate a pianificare la propria unione con il partner

George Clooney e Catherine Zeta Jones alla prima di Prima ti sposo poi ti rovino

Patti chiari, altrimenti la coppia scoppia. Anzi, patti chiari proprio nel caso in cui la coppia dovesse scoppiare. Perché una volta i cosiddetti contratti prematrimoniali erano solo una 'roba' da vip, adesso invece anche le persone 'comuni' sembrano sempre più intenzionate a pianificare la propria unione con il partner. Insomma, meglio prevenire che leccarsi le ferite e versare lacrime amarissime. Il paradigma delle possibilità è molto ampio: coinvolge ovviamente la prole, ma non solo.

Anche l'uso del cognome maritale da parte della moglie divorziata (oggi avviene già nelle separazioni consensuali), oppure l'impegno a mantenere uno stato di fedeltà post-coniugale o, addirittura, alcuni vincoli per scongiurare spiacevoli contatti con la/l' ex... Viene in mente un film di successo, protagonisti Giorgione Clooney e Catherine Zeta-Jones: Prima di sposo, poi ti rovino. In questo caso, ti rovino il giusto...

Scritto da 
  • Vittorio Oreggia
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Trattativa Stato-mafia, dopo 5 anni di processo arriva la sentenza

Stato-mafia, M5S: "Giornata storica". Berlusconi e Fi pronti a querelare pm

Una sentenza che fa discutere e che rende ancora più aspri i toni dello scontro politico

Papa Francesco in visita ad Alessano

Il Papa sulla tomba di don Tonino, profeta di speranza: "Liberatevi dal potere"

A 25 anni dalla morte del 'vescovo scomodo', l'omaggio di Bergoglio in Puglia

Trattativa Stato-mafia, dopo 5 anni di processo arriva la sentenza

Trattativa Stato-mafia, condannati Dell'Utri, Subranni e Mori. Assolto Mancino

La sentenza: 28 anni al boss Bagarella, 12 all'ex braccio destro di Berlusconi e agli ex Ros

Ascoli, auguri a Hitler su Facebook. Vicepreside si difende: "Post non era riferito a lui"

La denuncia degli Antirazzisti Piceni: "Deve essere coerente con la sua visione malata e criminale del mondo e lasciare il suo ruolo di educatore"