Venerdì 18 Marzo 2016 - 12:15

Contratti prematrimoniali: prima ti sposo, poi ti rovino?

Anche le persone 'comuni' sembrano sempre più intenzionate a pianificare la propria unione con il partner

George Clooney e Catherine Zeta Jones alla prima di Prima ti sposo poi ti rovino

Patti chiari, altrimenti la coppia scoppia. Anzi, patti chiari proprio nel caso in cui la coppia dovesse scoppiare. Perché una volta i cosiddetti contratti prematrimoniali erano solo una 'roba' da vip, adesso invece anche le persone 'comuni' sembrano sempre più intenzionate a pianificare la propria unione con il partner. Insomma, meglio prevenire che leccarsi le ferite e versare lacrime amarissime. Il paradigma delle possibilità è molto ampio: coinvolge ovviamente la prole, ma non solo.

Anche l'uso del cognome maritale da parte della moglie divorziata (oggi avviene già nelle separazioni consensuali), oppure l'impegno a mantenere uno stato di fedeltà post-coniugale o, addirittura, alcuni vincoli per scongiurare spiacevoli contatti con la/l' ex... Viene in mente un film di successo, protagonisti Giorgione Clooney e Catherine Zeta-Jones: Prima di sposo, poi ti rovino. In questo caso, ti rovino il giusto...

Scritto da 
  • Vittorio Oreggia
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ostia, aggressione a giornalista: Roberto Spada fermato e poi trasferito in carcere

Ostia, resta in carcere Roberto Spada: rigettato il ricorso della difesa

Lo scorso 7 novembre aveva aggredito il giornalista Rai durante un'intervista

Igor il Russo è ancora ricercato, cinque indagati per il favoreggiamento del killer di Budrio

Proseguono le indagini per trovare l'uomo autore di due omicidi avvenuti otto mesi fa nel Ferrarese. Sono spuntati i nomi di alcune persone che lo avrebbero aiutato durante la fuga

Cielo nuvoloso su tutta l'Italia: il meteo del 24 e 25 novembre

Le previsioni di venerdì e sabato. In arrivo anche la pioggia al nord

FILE PHOTO: Michelangelo's fully restored and cleaned statue of David is shown-off at the Uffizi Gallery in Florence.

Il David non potrà essere usato per fini commerciali: la sentenza del tribunale di Firenze

Il divieto sarà valido su tutto il territorio italiano ed europeo