Venerdì 04 Novembre 2016 - 12:45

Assedio di Mosul, Isis usa 1600 civili come scudi umani

Le forze irachene hanno ripreso il controllo di sei distretti nella zona est di Mosul, 200 morti e 400 ostaggi

Continua assalto a Mosul, Isis ordina reclutamento: Consegnare bimbi dai 9 anni in su

Le forze di sicurezza irachene hanno ripreso il controllo di sei distretti nella zona est di Mosul dopo una serie di duri scontri contro i militanti dello Stato islamico. Lo fa sapere una fonte delle forze di sicurezza. Centinaia di commando del Servizio anti-terrorismo e dell'esercito iracheno, spiega la fonte, hanno ripreso il controllo dei distretti di Aden, Samah, Karkukli, al-Khadraa, al-Ikhaa e al-Quds. Le truppe hanno alzato la bandiera sui principali edifici delle area riconquistate mentre i combattimenti sono ancora in corso nel distretto adiacente di Karamah. L'offensiva per la ripresa di Mosul è scattata lo scorso 17 ottobre, annunciata direttamente dal primo ministro iracheno Haider al-Abadi.

ESECUZIONI SOMMARIE. Intanto i militanti dello Stato islamico continuano a condurre esecuzioni di massa nella città e nei dintorni. Questa settimana hanno ucciso in questo modo almeno 230 persone, tra cui una cinquantina di propri militanti. Lo fa sapere l'Onu. I jihadisti uccisi erano accusati di diserzione, mentre altre 180 vittime erano vecchi impiegati pubblici uccisi dall'Isis prima del ritiro dei militanti da Kokjali, località a est di Mosul.

PORTA A PORTA.  I militanti dello Stato islamico stanno chiedendo alle famiglie della città irachena di consegnare loro i bambini maschi dai nove anni in su, per farli entrare nella fila del gruppo jihadista. Lo denuncia l'Onu, attraverso Ravina Shamdasani, portavoce per i diritti umani. I jihadisti, ha spiegato, bussano "porta a porta" e in altri casi danno l'ordine attraverso degli altoparlanti installati su veicoli che circolano per la città. I militanti minacciano che chi disobbedirà verrà punito.

SCUDI UMANI. I militanti dell'Isis hanno deportato circa 1.600 persone dalla città di Hammam al-Alil a Tal Afar per utilizzarle probabilmente come scudi umani durante gli attacchi aerei della coalizione internazionale nei dintorni di Mosul. Alcuni di loro potrebbero essere trasferiti per lo stesso motivo in Siria. Lo ha riferito sempre la portavoce dell'Agenzia Onu per Diritti umani, Ravina Shamdasani. Secondo la diplomatica mercoledì altre 150 famiglie sono state trasferite da Hammam al-Alil a Mosul.

200 MORTI. I militanti hanno preso in ostaggio circa 400 donne curde, yazide e sciite a Tal Afar, e hanno probabilmente ucciso oltre 200 persone a Mosul. Le Nazioni unite hanno fatto sapere inoltre che i bombardamenti della coalizione internazionale hanno ucciso diversi civili, tra cui, mercoledì sera, quattro donne e altre 17 persone nel quartiere di Qudus, ad est di Mosul.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Trump: Non ho registrazioni delle conversazioni con Comey

Trump: Non ho registrazioni delle conversazioni con Comey

Il presidente tempo fa aveva twittato: "Deve sperare che non ci siano 'nastri' dei nostri colloqui"

Il Consiglio europeo raggiunge l'intesa sul fondo di difesa. Tusk: Passo storico

Consiglio europeo trova intesa su fondo di difesa. Tusk: Passo storico

Impegno comune anche nella lotta contro i foreign fighters e la diffusione di materiale di propaganda terroristica sul web

Attacco a Mogadiscio: salgono a 7 i morti, Al Shabaab rivendica

Attacco a Mogadiscio: salgono a 7 i morti, Al Shabaab rivendica

La stazione di polizia colpita si trova vicino alla via più affollata della città

L'idea di Trump: Pannelli solari sul muro al confine con Messico

L'idea di Trump: Pannelli solari sul muro al confine con Messico

Questa la strategia del presidente per recuperare i costi di costruzione