Sabato 06 Maggio 2017 - 12:30

Conti pubblici, Cgia: Nonostante tagli, spesa in aumento

'Sforbiciata' di 30,4 miliardi di euro, ma +31,8 mld di uscite correnti

Conti pubblici, Cgia: Nonostante tagli spesa ancora in aumento

Se alla fine di quest'anno i tagli alla spesa pubblica ottenuti in questa legislatura (2013-2017) ammontano a 30,4 miliardi di euro, le uscite correnti al netto degli interessi sul debito, invece, non hanno invertito la tendenza. Anzi, sono continuate a crescere: + 31,8 miliardi. In altre parole, nonostante la spending review abbia cominciato ad aggredire la spesa, quest'ultima, nel complesso, continua a salire e, come vedremo in seguito, a pagarne il conto sono in buona parte ancora una volta gli italiani. A dirlo e' un'analisi realizzata dall'Ufficio studi della Cgia.

Analizzando l'andamento dei nostri conti pubblici su un arco temporale medio-lungo, il rigore non e' mai venuto meno. "Tra il 2000 e il 2016 - dichiara il segretario della Cgia, Renato Mason - solo in un anno, il 2009, il saldo primario, dato dalla differenza tra le entrate totali e la spesa pubblica totale al netto degli interessi sul debito pubblico, e' stato negativo. In tutti gli altri anni, invece, e' stato di segno opposto. Ovvero, la spesa primaria e' stata inferiore alle entrate. A ulteriore dimostrazione che in questi ultimi decenni l'Italia ha mantenuto l'impegno di risanare i propri conti pubblici, nonostante gli effetti della crisi economica siano stati piu' pesanti qui da noi che altrove".

Lo Stato, insomma, comincia a tagliare, ma il sacrificio piu' importante lo impone alle strutture periferiche, in particolar modo a quelle guidate dai governatori. E com'era facilmente prevedibile, nonostante in questi ultimi due anni il Governo abbia imposto l'obbligo di non aumentare le tasse locali, gli amministratori si sono "difesi" tagliando i servizi e/o aumentando le tariffe che, per loro natura, non contribuiscono ad appesantire la pressione fiscale, anche se hanno un impatto molto negativo sui bilanci di famiglie e imprese.

Infatti, tra il 2013 e il 2016 l'andamento delle tariffe regolamentate a livello locale sono aumentate in misura spesso ingiustificata. Se le bollette dell'acqua/fognatura sono "esplose" del 20 per cento circa, il servizio di asporto rifiuti e' salito dell'8,4, i trasporti multimodali del 5,5, l'iscrizione alle scuole secondarie del 5,1, le mense scolastiche del 4,2, i biglietti dell'autobus del 3 e quelli dei taxi del 2,8. L'inflazione, invece, in questo triennio e' aumentata solo dello 0,2 per cento.

"Le uscite correnti al netto degli interessi - segnala il coordinatore dell'Ufficio studi della Cgia, Paolo Zabeo - continuano ad aumentare, in particolar modo, a causa della spesa pensionistica e delle prestazioni sociali. Se in una fase di crisi economica l'incremento delle misure a sostegno del reddito di chi si trova in difficolta' e' piu' che giustificabile, lo e' molto meno quello per le pensioni. Con l'ultima Legge di bilancio, ad esempio, e' stata estesa la 14esima mensilita' per i pensionati a basso reddito, e' stata innalzata la no tax area Irpef per gli under 74 e sono state aperte delle finestre in uscita attraverso l'Ape. Misure che, in larga parte, non prevedono una copertura finanziaria sufficiente".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ortofrutta che passione: è un quarto della spesa degli italiani

Domanda in crescita anche grazie alla passone per centrifughe e frullati. Al primo posto mele e patate

Convegno etica trasparenza e sviluppo in prefettura

Via libera del governo al rinnovo contratto degli statali

Ok anche al pagamento degli arretrati e degli aumenti previsti

Ferrero compra dolci Usa di Nestlé, affare da 2,4 mld euro

Con l'acquisizione, Ferrero diventa la terza più grande azienda dolciaria negli Stati Uniti

Ryanair baggage rules

Ryanair, cambiano le regole: trolley in stiva, altrimenti si paga

La low cost irlandese modifica le condizioni del bagaglio a mano. Quello grande resta gratuito ma non si può portare in cabina, a meno che non si acquisti l'imbarco prioritario