Sabato 26 Maggio 2018 - 12:30

Contaminazioni, incontri e concerti al Wired next Fest 2018

Sesta edizione per il più importante festival italiano che celebra la scienza e l'innovazione

Il Wired  Next  Fest ai Giardini Montanelli

Quali innovazioni ci attendono nel prossimo futuro? Quanto le nostre esistenze sono contaminate dalla tecnologia e dalla rete? Come stanno cambiando le competenze e il mondo del lavoro? Come ci stiamo evolvendo e come continueremo a evolvere nel tempo? Di questi e molti altri temi si occupa il WiredNext Fest 2018, a Milano dal 25 al 27 maggio ai Giardini Indro Montanelli, corso Venezia 55.

Il WNF è il più importante festival italiano che celebra e racconta la scienza, la tecnologia, il business, la rete, la ricerca, l'innovazione sociale, la voglia di cambiamento e l'evoluzione, come elementi chiave per lo sviluppo economico, culturale e politico del mondo. Giunto alla sesta edizione, ha l'obiettivo di stimolare un confronto attraverso interviste, panel, keynote, workshop, laboratori, exhibit, performance artistiche e concerti, grazie alla partecipazione di esperti e opinion leader di rilievo nazionale e internazionale.

'Contaminazioni' sarà il focus di questa edizione 2018 dal 25 al 27 maggio. Viviamo in un'epoca in cui assistiamo a una continua e costante ibridazione tra digitale e analogico, tra macchine e esseri umani, tra contenuti e nuove piattaforme media: uno scambio tra mondi che non ha un flusso unidirezionale, ma che è a doppio senso.

Tre le giornate che avranno luogo a Milano (a cui seguiranno le due dell'edizione di Firenze: i prossimi 29 e 30 settembre). Il primo giorno del Wired Next Fest approfondirà il tema del Talento: le tecnologie digitali impongono la ridefinizione delle competenze all'interno delle aziende e dei singoli sul mercato del lavoro, creando una contaminazione tra figure professionali che prima non si parlavano e che ora si fondono addirittura in una.

Anche quest'anno saranno moltissimi i nomi di opinion leader, artisti, scienziati, filosofi e politici, che parteciperanno al WNF 2018 di Milano. Tra questi a Milano ci saranno l'attivista politica Chelsea Manning, che ha fatto scoppiare il caso Wikileaks e che per la prima volta interverrà in Italia, Walter Isaacson, il biografo dei grandi innovatori da Leonardo da Vinci a Steve Jobs, l'esperta mondiale di intelligenza artificiale Kate Crawford, l'avvocato fondatrice della Mozilla Foundation Mitchell Baker, in prima linea per garantire la neutralità delle rete senza discriminazioni, Orit Kopel, tra le massime esperte di fake news e co-fondatrice di WikiTribune, piattaforma globale contro le fake news e la manipolazione delle informazioni realizzata insieme al fondatore di Wikipedia Jimmy Wales, e ancora l'immunologo di fama internazionale Alberto Mantovani, Laura Boldrini, Davide Casaleggio, Paola Cortellesi, Barbara Contini della Croce Rossa Italiana, il fumettista Zerocalcare, lo chef Carlo Cracco, il giovane imprenditore guru del social fashion Riccardo Pozzoli, Roberto Viola, a capo della Direzione Generale per Comunicazione Digitale e Tecnologie della Commissione Europea a Bruxelles (DG-Connect), la scrittrice e compagna di dj Fabo Valeria Imbrogno, la modella, scrittrice e pornostar Stoya e molti altri.

E poi la musica, con una serie di concerti gratuiti che anche quest'anno completano il programma. Jungle, Calibro 35, Robin Schulz, Gemitaiz: saranno questi i protagonisti della line-up del Wired Next Fest 2018. Si comincia venerdì 25 maggio con i Calibro 35, gruppo crime funk, fresco di pubblicazione dell'album Decade, e con la band inglese dei Jungle, riconoscibile per il suo mix di funk, soul ed elettronica, appena uscita con i singoli Happy Man e House in LA, che anticipano il nuovo album. Il 26 maggio sarà la volta di Gemitaiz, in vetta alle classifiche di vendita con Davide. A chiudere la serata musicale del sabato sera ci penserà il dj e produttore tedesco Robin Schulz, che è recentemente uscito con il suo ultimo lavoro discografico Uncovered.

Oltre ai concerti in programma il 25 e il 26 maggio, il pubblico del Wired Next Fest potrà inoltre assistere a eventi unici ed esclusivi presso il Planetario dei Giardini Indro Montanelli: si chiamano 'Musica e parole sotto le stelle' e sono incontri speciali in cui gli artisti si racconteranno attraverso la loro voce e il loro repertorio musicale. Il 25 maggio si comincia con Daniel Blumberg, sabato 26 sarà il turno di Raphael Gualazzi, mentre domenica 27 il Planetario ospiterà prima John de Leo, poi Danilo Rea & Alex Braga con la performance 'Cracking Danilo Rea', nella quale suoneranno insieme all'intelligenza artificiale AMI (Artificial Music Intelligence), realizzata dall'Università Roma Tre.

A tutte queste belle note si aggiungono le parole dei talk affidati a numerosi artisti e produttori musicali: Negramaro, Motta, Gué Pequeno, Tommaso Colliva, Marta Salogni, Lele Sacchi, Michele Bravi, Måneskin. Tra gli ospiti anche il maestro Riccardo Chailly, Direttore musicale del Teatro alla Scala e Direttore principale della Filarmonica della Scala. Al WNF18 anche tanti, tantissimi i fenomeni del web: i collettivi The Jackal, The Pills e Le Coliche; le pagine Facebook Legolize, Lercio, Fotografie Segnanti e Commenti Memorabili; senza dimenticare Martina dell'Ombra, Edoardo Ferrario, Sofia Viscardi e Maccio Capatonda. E infine, undici anni dopo, gli autori e il cast di Boris tornano al WiredNext Fest per raccontare la serie cult di cui tutti i fan attendono da tempo la prossima stagione.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Italo Calvino

Addio Chichita Calvino: la vedova di Italo morta a 93 anni

Era rimasta a fianco dello scrittore fino alla morte, avvenuta nel 1985 a Siena

Parco Sempione: tutti insieme senza muri

Saviano: "Via scorta? Salvini non conosce 'abc'. Io leader? Non serve"

Dal palco della Tavolata solidale al Parco Sempione a Milano, lo scrittore rinfocola la querelle

Cadavere in fiume a Lubiana: è di Davide Maran, studente italiano

Il giovane 26enne originario di Cento era sparito da marzo

ITALY-EUROPE-POLITICS-MIGRANTS

Guardia costiera e soccorso nel Mediterraneo Centrale: ecco come funziona

Quando e come devono rispondere a una richiesta di soccorso, di chi è la competenza, cosa sono la Sar e il place of safety