Sabato 16 Settembre 2017 - 20:15

Consip, Woodcock indagato per falso. Politica solidale con Renzi ma Fi critica

Il pm sotto la lente dei colleghi romani anche per violazione di segreto. Fi critica con l'ex premier

Consip, Woodcock indagato per falso. Politica solidale con Renzi ma FI critica

Indagini complesse, con tanti filoni che alla fine si ritorcono - o almeno uno lo fa - contro gli inquirenti: in uno dei tanti fascicoli dell'inchiesta Consip tra i tanti nomi degli indagati figura anche il pm della procura di Napoli Henry John Woodcock, sotto la lente dei colleghi romani non solo per violazione di segreto ma anche per falso, in concorso con l'ex capitano del Noe Gianpaolo Scafarto. Woodcock, è l'accusa, avrebbe fatto trapelare notizie relative a un'auto dei servizi segreti che avrebbe spiato le mosse dei carabinieri impegnati negli accertamenti sull'imprenditore  Alfredo Romeo. Quando Scafarto scrisse questo dato nell'informativa trasmessa agli inquirenti - è la tesi - sapeva che i servizi non c'entravano, ma da quanto ha fatto mettere a verbale, quella scelta era stata 'indotta' dal pm napoletano. Versione che l'ufficiale ha fornito agli inquirenti in un interrogatorio, prima di trincerarsi nel silenzio. E' l'ennesima pagina oscura in una vicenda, dopo quella dell'audizione della procuratrice di Modena Lucia Musti la quale il magistrato punta il dito contro l'ex ufficiale del Noe Gian Paolo Scafarto e il colonnello Ultimo per aver fatto presunte pressioni anti Renzi.

Sul caso torna anche, senza citarlo direttamente, l'ex premier: "Non lasciatevi fregare dalle fake news e dalle falsità costruite ad hoc per mistificare, e ce ne sono tante. Non fatevi fregare da chi le racconta - dice a Milano Matteo Renzi - "Noi reagiamo con sorriso zen di chi sa che alla fine gli verrà data ragione. Di fronte a una falsità costruita ad arte per mistificare le cose non reagiamo arrabbiati - continua - Ci dicevano che Expo e Jobs Act sarebbero stati un flop, ci dicevano che eravamo implicati in scandali. Non erano scandali nei quali qualcuno dei nostri era implicato, ma sono scandali sotto gli occhi di tutti, costruiti con le modalità che sappiamo". E sottolinea: "Il tempo è galantuomo. La nostra reazione non può essere la rabbia: è un lusso che non possiamo permetterci. La verità ha le gambe lunghe e quando arriva vale doppio. Siamo circondati da persone che vogliono fare chissà quale racconto sulle cose che non vanno".

Al segretario Pd arriva solidarietà da più parti. "Quello che sta venendo fuori sui giornali sul caso Consip è scandaloso e inquietante per chi ama la democrazia del nostro Paese", dice senza mezzi termini il leader di Ap Angelino Alfano. "Se risultasse vero quanto emerso siamo di fronte a una situazione molto grave anche per la democrazia di questo Paese, solidarietà a Renzi", osserva il deputato Dem Cesare Damiano. "Si faccia luce sul ruolo  dei Carabinieri del Noe - dice Lorenzo Cesa dell'Udc - e si lasci anche lavorare la magistratura sulla concretezza di quella indagine". Per il segretario del Psi Riccardo Nencini "Il vocabolario ha un nome preciso per giudicare il caso Consip. 'Complotto', e come obiettivo aveva il capo del governo. La politica ha il dovere di urlarlo senza paura". Critica invece Forza Italia. "Sul caso Consip-Renzi a sinistra vedo tanti ipocriti e tanti sepolcri imbiancati - attacca il capogruppo alla Camera Renato Brunetta - Ha ragione Franceschini quando sente puzza di bruciato, però la sua richiesta non è credibile, anzi puzza di ipocrisia se non viene fatto, da parte di Franceschini e di tutti i dirigenti del Pd, un mea culpa su quello che è successo nel 2011, cioè sul colpo di stato che ha colpito il centrodestra, Berlusconi e Forza Italia. Altrimenti, queste richieste sono inaccettabili e leggermente schifose", conclude.
 

Scritto da 
  • Antonella Scutiero
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ostia, chiusura campagna elettorale ballottaggio per presidente municipio

Ostia, Giuliana Di Pillo (M5S) è la nuova minisindaca (59,6%). Centrodestra sconfitto

L'affluenza alle urne è stata del 33,6%. Battuta Monica Picca: "Ha vinto con i voti di Casa Pound"

Ostia, chiusura campagna elettorale ballottaggio per presidente municipio

Ostia, Giuliana Di Pillo (M5S) è il nuovo minisindaco con il 59% dei voti

Sconfitta, al ballottaggio, Monica Picca, candidata del centrodestra. Ha votato il 33,6 dei 185mila aventi diritto

Ballottaggio elezioni Ostia

Ostia, Giuliana Di Pillo (M5S) è la nuova minisindaca con il 59,6%. Sconfitto il centrodestra

L'affluenza alle urne è stata del 33,6%. Netta sconfitta per Monica Picca (centrodestra) ferma al 40,4%

Assemblea nazionale di Articolo 1 - Mdp

Mdp e Si chiudono al Pd: "Tempo scaduto". Bersani: "Ci vediamo dopo le elezioni"

Nette le parole di Speranza: "Dobbiamo uscire dal teatrino di questi giorni. Renzi è un nome del passato non del futuro"