Martedì 20 Giugno 2017 - 19:00

Consip, Senato dà l'ok a mozione Zanda, no a quelle di Mdp e Lega

Parere favorevole anche alla mozione a prima firma Augello per il rinnovo dei vertici

Senato - Discussione mozioni su caso Consip

L'aula del Senato ha approvato la mozione a prima firma Augello per il rinnovo dei vertici Consip. Parere favorevole anche a quella a prima firma Zanda con 185 sì 76 no e 5 astenuti. Bocciata invece le mozioni di Mdp, Si e Lega.

All'inizio della discussione il presidente del Senato Pietro Grasso aveva dichiarato "improponibile l'impegno 1 della mozione Gotor", di Mdp che impegna il Governo "a valutare la sospensione delle deleghe al Ministro per lo sport Luca Lotti fino al chiarimento della vicenda che lo vede coinvolto, perché il Governo deve potere operare al riparo da ombre su comportamenti non irreprensibili dei suoi componenti, per portare avanti i suoi impegnativi obiettivi".

LEGGI ANCHE Consip, in Senato si discutono le mozioni. Pd: Rinviare dibattito

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Salvini al Palasport di Ponte di Legno per il tradizionale comizio di Ferragosto

Lega, Salvini a Ponte Legno e Bossi a Pontida 'separati in casa'

Salvini e Bossi: una distanza non solo logistica ma soprattutto politica: Salvini alle prossime elezioni nazionali potrebbe presentare una nuova Lega a vocazione nazionale

Viminale. Riunione del Comitato per l'Ordine e la sicurezza

Minniti: "Gestire flussi migratori. Vedo luce in fondo a tunnel"

Il resconto del ministro degli Interni a Ferragosto. E sulle Ong: "Rispettiamo chi non ha firmato il codice"

Assemblea nazionale di Confesercenti

Boldrini: Non lascio social, sarebbe una sconfitta

La presidente della Camera torna a commentare la decisione di procedere per vie legali nei confronti di chi la insulterà sui social network

Matteo Renzi ospite a Porta a Porta

Berlusconi e Renzi, nodo alleanze ancora da sciogliere

Le candidature per le elezioni in Sicilia sono in evidente stallo, con Angelino Alfano ancora ago della bilancia