Martedì 20 Giugno 2017 - 19:00

Consip, Senato dà l'ok a mozione Zanda, no a quelle di Mdp e Lega

Parere favorevole anche alla mozione a prima firma Augello per il rinnovo dei vertici

Senato - Discussione mozioni su caso Consip

L'aula del Senato ha approvato la mozione a prima firma Augello per il rinnovo dei vertici Consip. Parere favorevole anche a quella a prima firma Zanda con 185 sì 76 no e 5 astenuti. Bocciata invece le mozioni di Mdp, Si e Lega.

All'inizio della discussione il presidente del Senato Pietro Grasso aveva dichiarato "improponibile l'impegno 1 della mozione Gotor", di Mdp che impegna il Governo "a valutare la sospensione delle deleghe al Ministro per lo sport Luca Lotti fino al chiarimento della vicenda che lo vede coinvolto, perché il Governo deve potere operare al riparo da ombre su comportamenti non irreprensibili dei suoi componenti, per portare avanti i suoi impegnativi obiettivi".

LEGGI ANCHE Consip, in Senato si discutono le mozioni. Pd: Rinviare dibattito

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bankitalia, Renzi mattatore a Firenze: "Esprimere giudizio non è lesa maestà"

Bankitalia, Renzi mattatore a Firenze: "Esprimere giudizio non è lesa maestà"

Il segretario Pd alla festa del quotidiano 'Il Foglio': "Non possiamo arrivare al paradosso che qualcuno è intoccabile, inviolabile, ingiudicabile"

Senato, Paolo Gentiloni riferisce sul prossimo consiglio europeo del 19 e 20 Ottobre

Legge elettorale, 179 proposte di modifica e 160mila firme per cambiarla

La legge elettorale arriverà in aula martedì 24 ottobre

Il Presidente Gentiloni al Consiglio Europeo di Bruxelles

Bankitalia, Gentiloni: "Il governo deve agire nell'interesse del Paese"

Il presidente del Consiglio si dice tranquillo relativamente a "strani incroci populisti" che si possano creare in parlamento sulla vicenda

PD, parte il tour di Renzi in treno

Bankitalia, Renzi "Riconferma Visco non è sconfitta". Prodi: "Mozione improvvida"

Il segretario Pd insiste: "Il governo era d'accordo". Gentiloni: "Tutelerò autonomia"