Giovedì 14 Settembre 2017 - 13:30

Consip, prima sentenza: Gasparri patteggia un anno e otto mesi

L'ex funzionario accusato di corruzione, assieme all'imprenditore Alfredo Romeo

Perquisizione nella sede della Consip

Un anno e otto mesi di reclusione. E' la pena patteggiata da Marco Gasparri, l'ex funzionario Consip accusato di corruzione nell'ambito dell'inchiesta sulla centrale acquisti della pubblica amministrazione. La decisione presa  stamani dal gup Rosalba Liso, rappresenta la prima sentenza sulla vicenda Consip.

Intanto resta fissata per il 19 ottobre la prima udienza del processo ad Alfredo Romeo, l'imprenditore accusato di corruzione insieme a Gasparri.

Al centro del fascicolo che ha portato, il primo marzo scorso, all'arresto di Romeo è la gara FM4, di 'facility management', ovvero servizi per la Pa, del valore di 2,7 miliardi, bandita dalla centrale acquisti della pubblica amministrazione nel 2014 e suddivisa in 18 lotti, alcuni dei quali puntava ad aggiudicarsi Romeo. L'imprenditore prese parte alla gara per il lotto da 143 milioni di euro per l'affidamento di servizi in una serie di palazzi istituzionali a Roma, che andavano dalla pulizia alla manutenzione degli uffici.

Per raggiungere il risultato, Romeo, secondo quanto detto da Marco Gasparri ai pm, e ribadito in sede di incidente probatorio, avrebbe corrotto il dirigente Consip con 100mila euro in tre anni, affinché gli desse una serie di informazioni indispensabili per avere la meglio sugli altri partecipanti.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

ITALY-LIBYA-EUROPE-MIGRANTS-NGO

Migranti, bimbo nato a bordo nave Aquarius: si chiama 'Miracolo'

Il piccolo è venuto alla luce sull'imbarcazione di ricerca e soccorso gestita da Medici Senza Frontiere e Sos Mediterranee. Lui e la mamma stanno bene

Sole e nuvole ma fa caldo: il meteo del 27 e 28 maggio

Le previsioni del servizio meteorologico dell'aeronautica militare

Roberto Izzo in aula per deporre durante il processo per la strage di Piazza Loggia

Morte Corazzin, sindaco San Vito al Tagliamento: "Verità per Rossella"

Parla Antonio Di Bisceglie, primo cittadino del Comune dove viveva la 17enne che, secondo la testimonianza del Angelo Izzo, sarebbe stata rapita e uccisa da un branco di giovani

Vigili del Fuoco controllano la facciata della Biblioteca Civica Centrale

Roma, giù dal cavalcavia dell'A24: morti suicidi due fratelli gemelli

È successo sull'autostrada Roma l'Aquila, subito dopo Tivoli. Avevano 56 anni