Domenica 21 Maggio 2017 - 19:30

Consip, Legnini: Fughe notizie? Colpa di pm o polizia giudiziaria

Il vicepresidente del Csm si dichiara concorde con Gratteri

Consip, Legnini: Fughe notizie dipendono da pm o polizia giudiziaria

"Ha ragione Gratteri, che è un grande magistrato ma con cui non sempre sono d'accordo" a proposito delle fughe di notizie sulla vicenda Consip, delle quali sarebbero responsabili i pm titolari delle indagini o la polizia giudiziaria. Il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri aveva osservato che "quando c'è una violazione, una fuga di notizie, esce o dalla Procura o dalla polizia giudiziaria. E, in genere, quando la polizia giudiziaria fa la fuga di notizie, c'è quanto meno una sorta di silenzio-assenso da parte della Procura. Altrimenti le notizie non escono fuori". Parole con le quali il vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura, Giovanni Legnini, intervistato da Giovanni Minoli su La7, si è detto d'accordo.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Viminale. Riunione del Comitato per l'Ordine e la sicurezza

Minniti: "Gestire flussi migratori. Vedo luce in fondo a tunnel"

Il resconto del ministro degli Interni a Ferragosto. E sulle Ong: "Rispettiamo chi non ha firmato il codice"

Assemblea nazionale di Confesercenti

Boldrini: Non lascio social, sarebbe una sconfitta

La presidente della Camera torna a commentare la decisione di procedere per vie legali nei confronti di chi la insulterà sui social network

Matteo Renzi ospite a Porta a Porta

Berlusconi e Renzi, nodo alleanze ancora da sciogliere

Le candidature per le elezioni in Sicilia sono in evidente stallo, con Angelino Alfano ancora ago della bilancia

Italian foreign minister Angelino Alfano gestures during a joint news conference with Qatar's foreign minister Sheikh Mohammed bin Abdulrahman al-Thani in Doha

Migranti, Alfano: Ue ci ha piantato in asso, serve soluzione in Libia

Intervistato dal quotidiano tedesco Bild, il ministro degli esteri ha ricordato l'importanza di una politica migratoria comune europea