Martedì 07 Marzo 2017 - 16:30

Consip, Romeo denuncia: Appalti irregolari, danni a Pa per 67 milioni

Le rivelazioni emergono dalla memoria difensiva depositata ieri dai legali dell'imprenditore

Consip, la denuncia di Romeo: Appalti irregolari, danni a Pa per 67 milioni

Cuore della memoria difensiva depositata ieri dai legali di Alfredo Romeo, in sede di interrogatorio di garanzia, è lo scontro a suon di carte bollate tra la Consip e l'azienda dell'imprenditore dopo la sua esclusione da alcune gare.

La Romeo Gestioni aveva perso appalti della centrale acquisti della pubblica amministrazione che gestiva da 16 anni, fece ricorso e lo perse. A quel punto l'azienda indirizzò un esposto alla Consip, e per conoscenza a Anac e Antitrust, nel quale si denunciavano una serie di "dubbi procedurali" e la possibilità che ci fosse "un cartello permanente di controllo del mercato". La Romeo Gestioni evidenziava che con l'esclusione sua e di un'altra azienda si era prodotto "un danno in termini di mancato risparmio per la pubblica amministrazione da 67 milioni di euro", e chiedeva di verificare la correttezza delle gare e, eventualmente, di escludere alcuni partecipanti.

Per tutta risposta la Consip nel sottolineare la correttezza delle gare d'appalto minacciava azioni legali a tutela della propria immagine.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Quattro letti e gamberetti a pranzo: il gatto Gerry eredita 30mila euro

Il felino è stato citato nel testamento della sua anziana padrona. Ora i familiari della donna dovranno provvedere al "mantenimentodel suo benessere"

Vento fino a 200 km/h: un morto e due feriti, disagi in tutta Italia

Sono stati 1226 gli interventi dei vigili del fuoco per alberi sradicati. Difficili i collegamenti con le isole minori della Toscana

Napoli, processo Silvio Berlusconi  per corruzione

Caso Consip, archiviate indagini su Woodcock e Sciarelli

Il pm era indagato per falso e, insieme alla giornalista, per rivelazione del segreto d'ufficio. Continuano le indagini su altre 12 persone

Sentenza processo Emilio Fede

Avvocatessa col velo cacciata dall'aula del Tar di Bologna

Aveva il volto scoperto. Le è stato impedito di seguire il processo. Origini marocchine, da 25 anni in Italia dove si è laureata: "Non mi era mai successo"