Martedì 20 Giugno 2017 - 11:45

Consip, in Senato si discutono le mozioni. Pd: Rinviare dibattito

Il presidente Grasso: "Improponibile la sospensione delle deleghe a Lotti fino al chiarimento della vicenda"

Coni, cerimonia di consegna dei Collari d'Oro 2016

Al via nell'aula del Senato la discussione di mozioni a procedimento abbreviato sui vertici Consip. Sono cinque i testi depositati dai partiti. Presenti, tra i banchi del Governo, i ministri, senatori, Anna Finocchiaro, Marco Minniti, Roberta Pinotti, Valeria Fedeli. Il presidente del Senato Pietro Grasso ha dichiarato "improponibile l'impegno 1 della mozione Gotor", di Mdp che impegna il Governo "a valutare la sospensione delle deleghe al Ministro per lo sport Luca Lotti fino al chiarimento della vicenda che lo vede coinvolto, perché il Governo deve potere operare al riparo da ombre su comportamenti non irreprensibili dei suoi componenti, per portare avanti i suoi impegnativi obiettivi".

Ma Mdp non si arrende e annuncia una nuova mozione. "Comunico che stiamo presentando un testo 2 della mozione a firma Gotor che prende atto dell'improponibilità (della mozione precedente, ndr) ma che chiede che il presidente del Consiglio valuti la sospensione delle deleghe al ministro Lotti fino al chiarimento della vicenda che lo vede coinvolto perché Governo possa operare al riparo da ombre per portare avanti i suoi impegnativi obiettivi", ha detto la capogruppo Mdp in Senato Cecilia Guerra. " Le comunicazioni del ministro Padoan - ha aggiunto - non appaiono dirimenti per il ritiro delle mozioni".

PD: RINVIARE DIBATTITO. "Il Pd ha preso atto della decadenza del cda Consip. Ha ritirato la sua mozione e ne ha presentato un'altra nella quale chiede il rinnovo del consiglio. Il buon senso mi fa interrogare sul senso del dibattito su una questione già superata e mi fa sottolineare che il contenuto di tutte le mozioni ha trovato attuazione nella decadenza del Cda", ha detto il capogruppo Pd al Senato Luigi Zanda intervenendo in aula. Il presidente Pietro Grasso ha chiesto a Zanda quale fosse il 'petitum' del gruppo, "Tutti coloro che hanno presentato le mozioni dovrebbero prendere atto che le mozioni sono state superate. Se queste non vengono ritirate non ho altro da chiedere", ha aggiunto Zanda.

"Sarebbe utile - ha proseguito Zanda - se questo nostro dibattito si svolgesse dopo giorno 27, dopo il rinnovo dei vertici Consip. Questo ci consentirebbe di svolgere un dibattito sui contenuti e i lavori svolti". 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Referendum sull'autonomia della Lombardia, a Lozza il voto di Roberto Maroni

Referendum autonomia, Veneto al 57,3%, trionfa il Sì al 98,1%. Lombardia: "Sì" al 95,2%

Alle 23 (573 comuni su 575) il Veneto al 57,3%%. La Lombardia è ufficialmente ferma ai 31,81% delle 19. Il dato definitivo dovrebbe essere intorno al 40%. Zaia: "Qui comincia il big bang. Chiederemo che restino i nove decimi delle tasse"

Referendum sull'autonomia del Veneto, a San Vendemiano il voto del governatore Luca Zaia

Referendum autonomia: alle 19 l'affluenza è del 50,1% in Veneto, Lombardia al 31,81%

Dai risultati dipenderà il potere contrattuale dei due presidenti di Regione nell'eventuale trattativa con il governo per ottenere la gestione a livello regionale di materie oggi di competenza centrale. Raggiunto il quorum in Veneto

Referendum, elettore fa più di 6mila km per andare a votare in Veneto

Referendum, elettore fa più di 6mila km per andare a votare in Veneto

Marco Gambaretto vive e lavora nel Golfo Persico ma ha deciso di tornare a San Giovanni Ilarione, in provincia di Verona, per andare alle urne

Mdp tende la mano al Pd. Ma Renzi: "Prima ok a Rosatellum"

Speranza apre ai dem e si dice pronto a una coalizione di centrosinistra