Giovedì 10 Marzo 2016 - 16:15

Confindustria, Merloni: Sto con Vacchi, penso anche le Marche

L'intervista di LaPresse all'imprenditore presidente onorario di Ariston Thermo

Francesco Merloni

Il mondo dell'industria "è cambiato moltissimo, a una velocità impressionante" negli ultimi 20-30 anni. Così Francesco Merloni, presidente onorario di Ariston Thermo, imprenditore della dinastia dell'elettrodomestico di Fabriano, in provincia di Ancona. Suo fratello, Vittorio, è stato presidente di Confindustria tra il 1980 e il 1984, nel periodo in cui fu abbattuta la scala mobile. "Un atto di grande e forte coraggio", ricorda Francesco in un'intervista a LaPresse. Quasi come il Jobs act, su cui l'imprenditore marchigiano dà un "giudizio positivo". Mentre la Indesit che era di Vittorio è passata agli americani di Whirlpool, la costola Ariston Thermo, ex Merloni Termosanitari, è ancora saldamente della famiglia e nel 2014 ha realizzato 1,34 miliardi di euro di fatturato, generato per l'89% fuori dall'Italia. Come successore di Giorgio Squinzi alla guida di Confindustria, Francesco Merloni vede bene Alberto Vacchi. "Nelle Marche abbiamo pochi voti, ma ritengo che la maggioranza si esprimerà su di lui", spiega Merloni.

Confindustria ha saputo rispondere ai cambiamenti e ha lo stesso peso di qualche anno fa?

In questo scenario complesso e dinamico, la rigidità che caratterizza generalmente le organizzazioni istituzionali non risulta un vantaggio. Confindustria non fa eccezione. Forse sarebbe stata necessaria un'azione riformatrice e di riorganizzazione più veloce e decisa.

Come giudica il mandato del presidente Squinzi?

Buono, considerando le difficoltà che ha dovuto incontrare. Sette anni di crisi economica consecutivi non sono pochi. Aver perduto circa il 25% della capacità produttiva del Paese è significativo. Aver dovuto affrontare l'aggressione delle multinazionali sulle nostre migliori imprese, ha incrinato un poco la fiducia e la consapevolezza della nostra imprenditoria.

Il Jobs act è stato varato dal governo Renzi proprio sotto il mandato di Squinzi. Cosa ne pensa della riforma del lavoro?

Il giudizio è positivo e Confindustria ha offerto un contributo importante all'approvazione del Jobs act. Dobbiamo, tuttavia, fare ancora di più per creare un'alleanza tra impresa e lavoro, rendendo coerente il mercato del lavoro alle nuove dinamiche economiche, per favorire una maggiore occupazione, soprattutto giovanile che continua a presentare dati estremamente preoccupanti.

C'è un candidato alla guida di Confindustria tra Aurelio Regina, Alberto Vacchi, Vincenzo Boccia e Marco Bonometti che ritiene sia il più adeguato per succedere a Squinzi?

Abbiamo bisogno di allargare la base dell'imprenditorialità e di dare forza allo spirito imprenditoriale. A mio avviso, Alberto Vacchi interpreta ottimamente questa esigenza. Nelle Marche abbiamo pochi voti, ma ritengo che la maggioranza si esprimerà su di lui.

Scritto da 
  • Lorenzo Allegrini
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ecofin, riunione dei ministri delle finanze dell'Unione europea in Lussemburgo

Bilancio, la lettera della Ue. Italia rimandata a maggio

La Commissione europea invita a non annacquare le misure chiave. "Evitare passi indietro sulle pensioni. Attuare la Fornero"

Risultati candidatura ema milano

Ema, polemiche dopo la sconfitta. Maroni: "C'è stata scorrettezza"

L'Agenzia del Farmaco finita ad Amsterdam per sorteggio. Il governatore lombardo: "Gentiloni e Alfano potevano farsi vedere". Tutti contro il sistema di decisione

Sede Ema, oggi il verdetto

Agenzia del farmaco, il sorteggio decide per Amsterdam

La terza votazione è finita 13 a 13. Milano sfortunata nell'estrazione. Vola via un indotto da 1,7 miliardi all'anno. Gentiloni: "Che beffa!"

Tim Jackson: "La prosperità non passa per la crescità del Pil"

Intervista all'economista inglese in Italia per presentare il suo libro. Diseguaglianza, disoccupazione e qualità del lavoro sono i temi su cui si basa la vera ripresa