Lunedì 23 Maggio 2016 - 14:15

Comunali Milano, Sala: Non sono pirla, ho pagato le tasse

Il candidato sindaco per il centrosinistra interviene sulle polemiche relative al patrimonio

Comunali Milano, Sala: Non sono pirla, ho pagato le tasse

"Sarei stato veramente un pirla, prima a pagare le tasse e poi dopo a fare finta di non mettere un qualcosa in una dichiarazione". Giuseppe Sala, candidato sindaco di Milano per il centrosinistra, intervistato a Mix24 di Giovanni Minoli su Radio 24, interviene sulle polemiche relative al patrimonio. Alla domanda di Minoli se pensa di aver chiarito tutto rispetto alle critiche che aveva ricevuto per le dichiarazioni lacunose e tardive sul suo patrimonio Sala risponde: "Io ho pagato le tasse su questa benedetta casa in Svizzera, era nella dichiarazione dei redditi, poi i miei uffici mi han preparato una di quelle dichiarazioni che si fanno e io in velocità l'ho firmato". Si ritiene soddisfatto? chiede Minoli. "Sì, assolutamente sì", risponde Sala.

"Io qualcuno di tecnico me lo porterò dietro", aggiunge poi Sala, parlando della sua futura Giunta. E a Minoli che gli chiede se sarà in continuità con la giunta Pisapia, Sala risponde: "Ma come? Ci sono state tante di quelle polemiche all'inizio su questo gioco della continuità o del cambiamento, io mi son permesso di dire all'inizio che capivo il valore e apprezzo moltissimo quello che ha fatto Pisapia, ma mi candido per cambiare".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Senato - ddl sul biotestamento

Elezioni, Camere sciolte prima di Capodanno. 4 marzo possibile election day

Prende quota la scelta di un unico giorno di voto per Politiche e Regionali

Senato - ddl su biotestamento

Biotestamento, giovedì ok finale e sarà legge. Ecco cosa prevede

Ha retto l'asse Pd-M5S: i diversi voti a scrutinio segreto che avrebbero potuto modificare la legge sono stati respinti con una maggioranza tra i 144 agli oltre 160 consensi

Presentazione libro di Bruno Vespa "Soli al Comando"

Berlusconi: "Se non c'è maggioranza avanti con Gentiloni, poi voto". E Salvini sospende ogni incontro col Cav

L'ira del leader della Lega: "Voglio spiegazioni sul voto contrario di Fi all'iter veloce per la legge Molteni"