Sabato 09 Dicembre 2017 - 11:15

Como, manifestazione antifascista con Renzi. Martina: "Siamo 10mila". Assente M5s

Nella mattinata il corteo promosso dal Pd dopo il blitz degli Skinheads contro le associazioni di aiuto ai migranti

Como manifestazione "E questo è il fiore" contro ogni fascismo e ogni intolleranza

Un'ora in marcia a Como per dire 'no a ogni forma di intolleranza e nuovo fascismo'. Nella mattinata, dalle 11 a mezzogiorno, si è svolto il corteo a cui hanno partecipato le diverse anime del centrosinistra. La manifestazione 'E questo è il fiore' (verso della canzone partigiana Bella Ciao) è stata promossa dal Pd dopo un'irruzione di Veneto Fronte Skinheads contro le associazioni di aiuto ai migranti. "È una bellissima giornata", ha commentato dalla piazza il segretario dem, Matteo Renzi. "Questo a Como è un giorno importante, contro ogni fascismo e ogni intolleranza ci sono oltre 10mila persone. Una risposta forte, proposta dal Pd e partecipata da tante forze, a chi minimizza quanto sta avvenendo", ha commentato il vicesegretario del Partito democratico, Maurizio Martina, durante la manifestazione, che si è conclusa sulle note di 'Bella ciao'.

Il M5s non ha partecipato alla manifestazione, ritenuta "una strumentalizzazione del Pd". È stata vietata la 'contropiazza' di Forza Nuova, che si riunisce in un hotel di Como in mattinata. Mentre il segretario della Lega, Matteo Salvini, ha attaccato:

"In piazza oggi a Como c'è chi sostiene l'immigrazione fuori controllo, domani a Roma con noi in piazza Santi Apostoli ci sarà chi è per un'immigrazione controllata e per una maggiore attenzione per le priorità degli italiani".

Al corteo invece hanno aderito Mdp, Campo progressista, Liberi e uguali. In piazza anche singoli esponenti di altri partiti, i vertici Anpi, Anci, Arci, associazioni, sindacati, tra cui una delegazione della Cisl g

uidata dal segretario confederale Gigi Petteni che ha spiegato: "Siamo in prima fila, insieme a tante altre associazioni e forze democratiche, per ribadire il nostro no esplicito a chi vuole riportare indietro l'orologio della storia, spaccando il Paese in nome di valori negativi e di un passato che non deve più tornare". Tra i presenti anche il ministro Martina con la segretaria della Cgil, Susanna Camusso. Che ha detto: "Mi pare sia evidente che siamo di fronte a degli episodi di squadrismo fascista e come tali vanno trattati. Intanto non sono applicate le leggi. Siamo un Paese che ha in Costituzione il divieto della ricostruzione del partito fascista. Li si è lasciati crescere e presentare alle elezioni, si è continuato a dire che sono ragazzate, mentre siamo di fronte a un fenomeno di intimidazione diffuso". Per Martina,

"c'è un pericolo in questa sottovalutazione e noi siamo qui per denunciare quello che sta accadendo".

Presente poi il governatore del Piemonte, Sergio Chiamparino: "Chi non è qui questa mattina sbaglia, perché in Italia e in Europa c'è un clima di paura e di rabbia verso i diversi che contribuisce a creare soluzioni politiche pericolose", ha detto.

Loading the player...

La presidente della Camera, Laura Boldrini, arrivando a Como, ha commentato: "Questo clima nasce da lontano, c'è una parte del Paese che non ha mai fatto i conti con il fascismo, ambienti che sono stati indulgenti con il fascismo, parlando di un fascismo buono e di un nazismo cattivo. La Costituzione è di tutti, essere qui è un dovere, per me come terza carica dello Stato, ma è un dovere anche di tutte le forze democratiche. Dobbiamo riuscire a fare di tutto per affermare i nostri principi: lo Stato di diritto è il fatto che nessuno può imporsi come successo a 'Como senza frontiere': non è accettabile in un Paese democratico".

Loading the player...

Il presidente del Senato, Pietro Grasso, è "idealmente insieme a tutte le persone che hanno scelto di esserci - ha scritto su facebook -  Non c'è miglior risposta alla violenza e alle intimidazioni contro cittadini, volontari e organi di stampa avvenute negli ultimi giorni che quella della partecipazione, della solidarietà, dell'impegno per i valori della Costituzione, nata proprio per relegare al passato quella orribile pagina della nostra storia".

Riferendosi all'irruzione dell'estrema destra a Como,  la ministra della Istruzione, Valeria Fedeli, ha osservato:

"Vanno fermati, ci sono già le leggi. Credo che dobbiamo essere tutti molto più consapevoli che le leggi vanno applicate e dobbiamo farlo. Se il ministro Orlando ritiene vadano approfondite ne discuteremo. Ma senza aspettare nuove leggi dobbiamo agire subito, siccome il primo a organizzare" questa manifestazione "è stato il Pd, è un errore clamoroso che gli altri non partecipino, perché il segnale che viene dato è quasi un via libera a chi vuole calpestare la costituzione".

Loading the player...
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Marcello Forte visita la Casa Internazionale delle Donne a via della Lungara

Casa internazionale delle donne, Marcello Fonte: "Spazi come questo vanno difesi"

Il miglior attore a Cannes, insieme alle colleghe Trinca e Filippi, in supporto delle femministe a rischio sfratto dal Comune capitolino

Formigoni in tribunale

Caso Maugeri, accusa chiede condanna a 7 anni e 6 mesi per Formigoni

In primo grado l'ex governatore lombardo era stato condannato a 6 anni per corruzione

Farah è tornata in Italia, Alfano: "Adesso è in un luogo sicuro"

I genitori avevano condotto la ragazza pakistana a Islamabad per costringerla ad abortire