Lunedì 31 Ottobre 2016 - 16:30

Comitato etico Ue: No violazione con Barroso a Goldman Sachs

Motivi insufficienti per biasimare la scelta dell'ex presidente dell'esecutivo europeo

Comitato etico Ue: Nessuna violazione con Barroso a Goldman Sachs

Il comitato etico della Commissione Ue non vede motivi sufficienti per biasimare la scelta dell'ex presidente dell'esecutivo europeo, José Manuel Barroso, di accettare un incarico presso la banca statunitense Goldman Sachs. "Non ci sono ragioni sufficienti per stabilire una violazione del dovere di integrità e discrezione previsto dall'articolo 245 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea", si legge nel rapporto emesso dal comitato il 26 ottobre e pubblicato oggi.

Il comitato ha concluso che "l'impegno di Barroso di non esercitare pressioni per conto di Goldman Sachs risponde all'obbligo di integrità e discrezione", riferendosi alle spiegazioni fornite dal politico portoghese. Il comitato ha spiegato tuttavia che il danno alla reputazione della Commissione Ue e dell'Ue in generale "giustificato o meno, è stato fatto", ma questo "non è un commento sulla saggezza o sulla colpa" dell'ex presidente.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Torino, Gentiloni alla Conferenza internazionale 'The Future of Newspapers'

Editoria, da Torino sfida per futuro: qualità e tecnologia

Convegno con direttori e manager delle più importanti testate mondiali

Fca, Marchionne: Resta obiettivo piena occupazione Italia a fine 2018

Fca, Marchionne: Resta obiettivo piena occupazione Italia a fine 2018

L'amministratore delegato al Workshop annuale di Venezia del Consiglio per le relazioni Italia-Stati Uniti

Alitalia, fumata nera su cassa a 0 ore. Gubitosi: 33 interessati

Alitalia, fumata nera su cassa a 0 ore. Gubitosi: 33 interessati

L'ex compagnia di bandiera e le sigle sindacali non hanno trovato l'intesa sulle modalità applicative

Fca, Marchionne: Mio successore non può essere 'superstar'

Fca, Marchionne: Mio successore non può essere 'superstar'

"Abbiamo una panchina lunga, la possibilità di dare l'opportunità di competere per il ruolo"