Lunedì 31 Ottobre 2016 - 16:30

Comitato etico Ue: No violazione con Barroso a Goldman Sachs

Motivi insufficienti per biasimare la scelta dell'ex presidente dell'esecutivo europeo

Comitato etico Ue: Nessuna violazione con Barroso a Goldman Sachs

Il comitato etico della Commissione Ue non vede motivi sufficienti per biasimare la scelta dell'ex presidente dell'esecutivo europeo, José Manuel Barroso, di accettare un incarico presso la banca statunitense Goldman Sachs. "Non ci sono ragioni sufficienti per stabilire una violazione del dovere di integrità e discrezione previsto dall'articolo 245 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea", si legge nel rapporto emesso dal comitato il 26 ottobre e pubblicato oggi.

Il comitato ha concluso che "l'impegno di Barroso di non esercitare pressioni per conto di Goldman Sachs risponde all'obbligo di integrità e discrezione", riferendosi alle spiegazioni fornite dal politico portoghese. Il comitato ha spiegato tuttavia che il danno alla reputazione della Commissione Ue e dell'Ue in generale "giustificato o meno, è stato fatto", ma questo "non è un commento sulla saggezza o sulla colpa" dell'ex presidente.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Fca, Leasys cresce in Europa

Fca, Leasys cresce in Europa

Parte dalla Spagna l'espansione europea della società di mobilità e noleggio di FCA Bank. Una scelta strategica per FCA Bank che mira a integrare la propria offerta in tutti i Paesi nei quali opera

Draghi: La ripresa dell'eurozona è più solida ma il trend dell'inflazione è debole

Draghi: Ripresa eurozona più solida, trend inflazione debole

Il presidente della Bce: Le decisioni sulla politica monetaria non sono basate sui possibili risultati elettorali

Fca, ricavi nel primo trimestre su del 4% a 27,7 miliardi

Fca, ricavi nel primo trimestre su del 4% a 27,7 miliardi

Consegne globali complessive a 1.145.000 veicoli, sostanzialmente in linea con i primi tre mesi del 2016

Alitalia, Gentiloni: No alla nazionalizzazione. Calenda: Prestito ponte di 3-400 milioni

Alitalia, Gentiloni preoccupato ma dice no a nazionalizzazione

Dopo il via al commissariamento, il ministro dello Sviluppo Economico: Il nuovo commissario deve assicurare la continuità dell'azienda"