Mercoledì 10 Maggio 2017 - 09:00

Colpo ai fedelissimi del boss Matteo Messina Denaro: 14 fermi

Al centro delle indagini, la cosca di Marsala, di cui sono stati delineati gli assetti e le gerarchie

Colpo ai fedelissimi del boss Matteo Messina Denaro: 14 fermi

Maxi operazione contro i 'fedelissimi' del boss latitante Matteo Messina Denaro. I carabinieri del Ros e del comando provinciale di Trapani hanno eseguito nella notte un provvedimento di fermo, emesso dalla Procura distrettuale antimafia di Palermo, nei confronti di 14 persone indagate per associazione mafiosa, estorsione, detenzione illegale di armi e altri reati aggravati dalle finalità mafiose. Al centro delle indagini, la cosca di Marsala, di cui sono stati delineati gli assetti e le gerarchie. Documentate anche tensioni interne al sodalizio per la spartizione delle risorse finanziarie derivanti dalle attività illecite e l'intervento pacificatorio, nel 2015, del latitante Matteo Messina Denaro.  In questo contesto, le indagini hanno fornito inediti e importanti  elementi in ordine alla operatività e alla possibile periodica  presenza di Messina Denaro nella Sicilia occidentale.Al centro delle indagini, la cosca di Marsala, di cui sono stati delineati gli assetti e le gerarchie

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Quattro letti e gamberetti a pranzo: il gatto Gerry eredita 30mila euro

Il felino è stato citato nel testamento della sua anziana padrona. Ora i familiari della donna dovranno provvedere al "mantenimentodel suo benessere"

Vento fino a 200 km/h: due morti e due feriti, disagi in tutta Italia

Sono stati 1226 gli interventi dei vigili del fuoco per alberi sradicati. Difficili i collegamenti con le isole minori della Toscana

Napoli, processo Silvio Berlusconi  per corruzione

Caso Consip, archiviate indagini su Woodcock e Sciarelli

Il pm era indagato per falso e, insieme alla giornalista, per rivelazione del segreto d'ufficio. Continuano le indagini su altre 12 persone

Sentenza processo Emilio Fede

Avvocatessa col velo cacciata dall'aula del Tar di Bologna

Aveva il volto scoperto. Le è stato impedito di seguire il processo. Origini marocchine, da 25 anni in Italia dove si è laureata: "Non mi era mai successo"