Mercoledì 10 Maggio 2017 - 09:00

Colpo ai fedelissimi del boss Matteo Messina Denaro: 14 fermi

Al centro delle indagini, la cosca di Marsala, di cui sono stati delineati gli assetti e le gerarchie

Colpo ai fedelissimi del boss Matteo Messina Denaro: 14 fermi

Maxi operazione contro i 'fedelissimi' del boss latitante Matteo Messina Denaro. I carabinieri del Ros e del comando provinciale di Trapani hanno eseguito nella notte un provvedimento di fermo, emesso dalla Procura distrettuale antimafia di Palermo, nei confronti di 14 persone indagate per associazione mafiosa, estorsione, detenzione illegale di armi e altri reati aggravati dalle finalità mafiose. Al centro delle indagini, la cosca di Marsala, di cui sono stati delineati gli assetti e le gerarchie. Documentate anche tensioni interne al sodalizio per la spartizione delle risorse finanziarie derivanti dalle attività illecite e l'intervento pacificatorio, nel 2015, del latitante Matteo Messina Denaro.  In questo contesto, le indagini hanno fornito inediti e importanti  elementi in ordine alla operatività e alla possibile periodica  presenza di Messina Denaro nella Sicilia occidentale.Al centro delle indagini, la cosca di Marsala, di cui sono stati delineati gli assetti e le gerarchie

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Grecia, muore italiano a Zante: rientro salma nel pomeriggio

Grecia, muore italiano a Zante: rientro salma nel pomeriggio

L'ambasciata di Atene è in contatto con la famiglia per prestare la massima assistenza

Bitonto, ucciso per litigio stradale: fermato il presunto omicida

Bitonto, ucciso per litigio stradale: fermato il presunto omicida

Si tratta di un 68enne che ha accoltellato un 24enne nel comune in provincia di Bari

Firenze, licenziato da ditta spedizioni ruba merce: arrestato

Firenze, licenziato da ditta spedizioni ruba merce: arrestato

Fermato anche il complice. Avevano studiato a puntino il loro piano

Scandicci si stringe alla famiglia di Niccolò Ciatti. L'omicida: "Ho fatto cosa orribile"

Scandicci si stringe a famiglia Ciatti. Padre: Assassini paghino

"Dobbiamo essere forti anche quando le telecamere si spegneranno", ha detto il sindaco Fallani entrando nella chiesa gremita