Venerdì 31 Marzo 2017 - 17:45

Colombo (Aime) : I dazi di Trump? Un ritorno al Medioevo

Il presidente dell'associazione imprenditori europei dell'Agroalimentare, interviene dopo la presa di posizione Usa sui prodotti Ue

Colombo (presidente Aime) : I dazi di Trump? Un ritorno al Medioevo (Colombo al centro)

 "Donald Trump sbaglia: non si può parlare di dazi nell'era della globalizzazione online, dove tutto è a portata di un click. Esiste un mercato molto più vasto, su internet, che rende inutile ogni discorso incentrato sul concetto di 'barriere'. E' questo che il presidente degli Stati Uniti dimentica, dimostrando di guardare al passato. Al giorno d'oggi, non si può parlare di dazi come nel Medioevo". Sono le parole di Marco Colombo, presidente dell'Aime, l'associazione imprenditori europei dell'Agroalimentare.

Ritene che le mosse di Trump siano anacronistiche?

Assolutamente sì. Lo dimostra il fatto che a schierarsi contro di lui, in prima linea, sono stati proprio i grandi colossi americani come Facebook e Amazon. C'è una realtà di mercato che supera le barriere come lui le intende.

Quali ripercussioni teme per il settore che rappresenta?

Sono situazioni che ci fanno paura. Tuttavia credo che il made in Italy, che da sempre punta sulla qualità, non verrà penalizzato. Le uniche barriere che noi imprenditori possiamo concepire sono quelle qualitative e salutarie, nel senso che un prodotto deve essere valorizzato per le sue reali caratteristiche alimentari, nell'interesse del consumatore e della sua salute. E' in quest'ottica che adotteremo le nostre contromisure ai dazi targati Trump.

Quali contromisure possono essere adottate?

Proprio alla luce dei principi che animano il nostro made in Italy, ossia qualità e salute, non accetteremo di importare dall'America prodotti di multinazionali che vanno contro ogni sana regola nutrizionale, come merendine e  carni trattate con ormoni.

La vicenda dei dazi rientra nella preannunciata politica protezionistica di Trump. Prima com'era la situazione?

E' appunto una mossa politica, non commerciale. Prima di Trump c'era il cosiddetto TTIP, l'accordo commerciale teso a favorire gli interscambi tra America, Europa e Canada. Non favoriva le piccole produzioni locali costrette a cedere molto ai grandi marchi, ma era comunque una situazione migliore rispetto a quella prospettata dal presidente americano. Adesso, quest'ottica protezionistica, mi ricorda il famoso 'semaforo' dell'Inghilterra, che voleva mettere il bollino verde ai prodotti delle grandi multinazionali senza accertarne la qualità. E per noi imprenditori la qualità viene prima di tutto.

Scritto da 
  • Roberta Cordisco
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Russiagate, Trump al contrattacco: "Fbi spiava la mia campagna"

Per il presidente il Bureau teneva sotto controllo un suo consulente per avvantaggiare Hillary Clinton

La Proactiva Open Arms in azione al largo della Libia

Migranti, appello del Papa: "Basta tragedie". Open Arms non denuncia Italia

Per l'ong la guardia costiera libica è colpevole di omissione di soccorso e omicidio colposo in relazione alla morte di due migranti. Tripoli nega: "Solo calunnie"

Foto diffusa dal profilo Instagram di Kensington Palace - Credit: Matt Porteus

Il principe George compie 5 anni: tanti auguri al royal baby più amato

Pioggia di messaggi affettuosi sui social. E in dono arriva anche una moneta commemorativa

Usa, barricato nel market di Hollywood uccide una donna: bloccato

Prima ha sparato alla nonna e alla fidanzata: durante la fuga si è rifugiato nel supermercato prendendo in ostaggio diverse persone. Alla fine si è arreso