Mercoledì 30 Novembre 2016 - 13:45

Colombia, Chapecoense: Il club andrà avanti

La squadra brasiliana era a bordo del volo caduto vicino Medellin

Colombia, Chapecoense: Il club andrà avanti

Il presidente della Chapecoense, Gelson Dalla Costa, ha detto che i medici del club sono in viaggio per Medellin per riportare in patria i corpi dei deceduti nel tragico incidente aereo in Colombia in cui ha perso la vita gran parte della squadra. "Come sapete, in un incidente di queste proporzioni nelle prime 48 ore vengono fuori notizie di ogni tipo" ha aggiunto invece in riferimento alle condizioni dei superstiti. Il vice presidente Ivan Tozzo, intanto, ha promesso ai tifosi che il club risorgerà presto e la squadra tornerà a giocare il prossimo anno. "Lavoreremo per ristrutturare il club, con nuovi giocatori. Ci saranno molti incontri e servirà tanta pazienza per andare avanti nel Brasileiro, un torneo molto importante per noi" ha detto Tozzo a Globoesporte. "Vogliamo andare avanti anche il prossimo anno", ha garantito.

LEGGI ANCHE 'Colombia, amputata gamba del portiere del Chapecoense sopravvissuto'

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

CONI - Stati Generali dello sport italiano

Figc, Malagò: "Non sarà commissariata, ma il male è profondo"

Il presidente del Coni mette fine all'ipotesi circolata dopo le dimissioni di Tavecchio, ma non sminuisce il problema

Champions League - Sevilla vs Spartak Moscow

Shock Siviglia: tecnico Berizzo ha il cancro. Monchi: Vincerai tu

L'argentino, 48 anni, sarà sottoposto alle cure del caso dopo ulteriori accertamenti medici

(SP)ITALY-GENOVA-SERIE A-SAMPDORIA VS JUVENTUS

Juve, col Barça si deve cambiare: tattica, interpreti, atteggiamenti

I bianconeri nel match di Champions di mercoledi hanno il dovere morale di andare oltre se stessi

CONI - Stati Generali dello sport italiano

Malagò: "Potrebbe anche non esserci commissario Figc"

Il presidente del Coni mette in dubbio l'ipotesi circolata lunedì dopo le dimissioni forzate di Tavecchio