Mercoledì 13 Giugno 2018 - 10:30

Guess, il cofondatore Paul Marciano si dimette dopo le accuse di violenza sessuale

Non c'è ancora un giudizio certo, ma già cinque persone hanno ricevuto un risarcimento di 500.000 dollari

evento Denim Day a Palazzo Barberini a Roma

Il cofondatore di Guess, Paul Marciano, accusato di molestie e violenza sessuale, si è dimesso dalla sua posizione di presidente della società e lascerà la carica di direttore creativo all'inizio del 2019.

La decisione del manager arriva dopo la presentazione al consiglio di amministrazione di un rapporto sulle accuse contro l'uomo di affari franco-marocchino. Secondo il documento, non è stato possibile provare con certezza le accuse e in alcuni casi gli investigatori hanno ritenuto che sia la versione data dalla vittima che quella di Marciano fossero credibili.

L'inchiesta a suo carico ha però stabilito che "in alcune occasioni" Marciano avesse "commesso degli errori di comunicazione con modelli e fotografi" e che si fosse messo "in situazioni in grado di sollevare accuse di comportamento scorretto".

Anche se le accuse non hanno comportato un giudizio certo, il gruppo Guess e il suo cofondatore hanno stipulato accordi amichevoli con cinque persone che sono state risarcite con 500.000 dollari in totale.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Merkel vede Macron: "Impegno per bilancio comune dell'Eurozona"

E sui migranti il presidente francese ribadisce: "Risposta europea alla sfida e più solidarietà"

Donald Trump si incontra con la National Space Council alla Casa Bianca

Migranti, Trump: "Arrestare sempre chi entra illegalmente negli Usa"

Nuovo attacco del presidente nel pieno della polemica sui bimbi separati dalle famiglie

Stati Uniti, proteste contro il trattamento dei migranti al confine con il Messico

Migranti, il pianto disperato dei bimbi separati dalle famiglie al confine tra Messico e Usa

In un audio ottenuto dal Servizio di protezione delle frontiere le conseguenze della politica tolleranza zero di Trump

FRANCE-POLITICS-PARLIAMENT-GOVERNMENT

Tribunale Ue conferma: Le Pen deve restituire 300mila euro al Parlamento

Nel mirino il dubbio impiego di un assistente quando era europarlamentare