Mercoledì 13 Giugno 2018 - 10:30

Guess, il cofondatore Paul Marciano si dimette dopo le accuse di violenza sessuale

Non c'è ancora un giudizio certo, ma già cinque persone hanno ricevuto un risarcimento di 500.000 dollari

evento Denim Day a Palazzo Barberini a Roma

Il cofondatore di Guess, Paul Marciano, accusato di molestie e violenza sessuale, si è dimesso dalla sua posizione di presidente della società e lascerà la carica di direttore creativo all'inizio del 2019.

La decisione del manager arriva dopo la presentazione al consiglio di amministrazione di un rapporto sulle accuse contro l'uomo di affari franco-marocchino. Secondo il documento, non è stato possibile provare con certezza le accuse e in alcuni casi gli investigatori hanno ritenuto che sia la versione data dalla vittima che quella di Marciano fossero credibili.

L'inchiesta a suo carico ha però stabilito che "in alcune occasioni" Marciano avesse "commesso degli errori di comunicazione con modelli e fotografi" e che si fosse messo "in situazioni in grado di sollevare accuse di comportamento scorretto".

Anche se le accuse non hanno comportato un giudizio certo, il gruppo Guess e il suo cofondatore hanno stipulato accordi amichevoli con cinque persone che sono state risarcite con 500.000 dollari in totale.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

La nave Aquarius torna in mare a Marsiglia

L'Aquarius sbarca a Malta. Sei Paesi Ue accoglieranno i migranti

Via libera per l'attracco a La Valletta. Francia, Portogallo e Spagna coinvolti per la redistribuzione di 141 persone a bordo e di altre 103 su altre navi

TURKEY-ECONOMY-CURRENCY

Lira turca in bilico, Erdogan: "Boicotteremo prodotti elettronici Usa"

Dopo la ripresa e il sospiro di sollievo dei mercati, il nuovo annuncio rischia di riaffossare la moneta

Londra, auto contro le barriere fuori dal Parlamento: un arresto

Londra, auto contro barriere davanti al Parlamento: arrestato un uomo. "E' terrorismo"

Si indaga sul conducente, feriti alcuni passanti. Polizia e ambulanze sul posto, chiusa la stazione di Westminster

Strage di bambini in Yemen

Yemen, raid contro scuolabus: 51 morti, tra cui 40 bambini

Il bilancio dell'attacco di giovedì scorso aggiornato dal Comitato internazionale della Croce Rossa