Martedì 04 Ottobre 2016 - 20:45

Clemente Russo chiede scusa: Perdono, io non sono così

Il pugile corre ai ripari dopo l'espulsione dal Gf Vip

Clemente Russo chiede scusa

Clemente Russo corre ai ripari dopo l'espulsione dal Gf Vip per le frasi sessiste pronunciate durante una delle puntate. "Considerati i toni e le modalità della mia uscita di scena non posso dirmi stupito dei contraccolpi, talvolta dolorosi come pugni sul ring. Proprio per questo, al termine della mia esperienza televisiva, desidero chiarire con profonda convinzione la mia posizione in ordine alla vicenda che mi vede coinvolto per alcune opinioni personali espresse in quella sede. In primo luogo intendo esprimere le mie scuse più sincere verso chiunque si sia sentito offeso o toccato nella propria sensibilità a causa delle mie parole: in particolare nei confronti del Ministro della Giustizia Andrea Orlando, dell’Amministrazione Penitenziaria, di tutti i colleghi del Corpo di Polizia Penitenziaria e infine – ma non per ultime – delle nostre donne, forti e generose come poche", scrive Russo sul suo profilo Facebook.

"Se posso invocare una sia pur minima attenuante in questa vicenda è proprio questa: accettando la partecipazione nel programma non avevo tenuto in giusto conto le conseguenze di innaturale asocialità nella quale si è inseriti durante la forzata convivenza nella “casa”, tanto da non riconoscermi ora nella voce che ha pronunciato le frasi “incriminate”.
Io mi sento una persona profondamente diversa. Tutti mi conoscono come un atleta che ha fatto della lealtà sportiva il proprio stile di vita cercando di trasmetterla ai ragazzi che si affacciano nelle palestre per trovare una sana risposta alle loro esigenze di riscatto sociale. Sono un marito - e soprattutto un padre - che ama profondamente la propria famiglia e farebbe di tutto per difenderne l’integrità. Questi sono i valori dei quali mi sono sempre fatto portatore, in pubblico e nel privato: in questi mi riconosco e rinnego in questa sede ogni diversa concezione della vita", spiega l'atleta.

"Come nel pugilato, anche nella vita non ci si può nascondere di fronte alle avversità, ed è chiaro che affronterò serenamente le conseguenze del mio comportamento inappropriato: a mente fredda capisco che avrei potuto esprimermi in modo diverso, non accettare alcun coinvolgimento in situazioni che nella particolare visione di quello spettacolo sono suscettibili di attenzione e di “audience”. E, soprattutto, avrei dovuto rendermi conto che la filosofia del programma è quella di negare in modo totale il diritto alla riservatezza e perciò non si può invocarla nemmeno quando si ritiene in buona fede di averne subito la lesione. Ne sono profondamente convinto, tanto che ora sono qui ad esprimere le mie scuse: nella speranza che i diretti destinatari vogliano ascoltarle e accettarle come sincere", conclude Russo.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Rai, torna Furore: il cult degli anni '90. Prima puntata con Mariana Rodriguez

Torna Furore, cult anni '90: prima puntata con Mariana Rodriguez

Animatori della gara Gigi e Ross sotto lo sguardo di Alessandro Greco

Vespa ad Anzaldi: Intervista a Riina jr fu approvata da direttore Rai1

Vespa ad Anzaldi: Intervista a Riina jr fu approvata da direttore Rai1

"L'intervista - precisa - fu commentata in studio, tra l'altro, da Antonio Emanuele Schifani, figlio di uno degli agenti della scorta di Falcone ucciso nell'agguato commissionato da Totò Riina"

Funerali di Cino Tortorella, moglie: Sposare Mago Zurlì il mio sogno

Funerali di Cino Tortorella, moglie: Sposare Mago Zurlì il mio sogno

"Era il mio, il vostro e il nostro Mago. E amava tutti, senza distinzione"

Rocco Siffredi alla moglie: Ho dato piacere a molte, spero di aver dato a te la felicità

Rocco Siffredi alla moglie: Ho dato piacere a molte, spero di aver dato a te la felicità

Il celebre attore pornografico racconta la sua vita in famiglia a Domenica Live