Domenica 20 Agosto 2017 - 20:00

Morto a 91 anni Jerry Lewis: leggenda della comicità Usa

Era considerato dalla critica uno dei comici più celebri dello spettacolo Usa

Morto Jerry Lewis, leggenda della comicità Usa

Si è spento a Las Vegas a 91 anni, per cause naturali, l'attore americano Jerry Lewis. Emblema della più riuscita comicità Usa, il 'Picchiatello' era nato il 16 marzo 1926 a Newark da genitori russi di origine ebraica. Una lunga vita nonostante i problemi di salute causati anche dalle spericolate piroette effettuate nelle scene dei suoi film.

'Irma va a Holliwood', 'Attenti ai marinai!', 'Scusi, dov'è il fronte?' sono alcuni dei titoli con cui Lewis, tra i più grandi showman del Novecento, conquistò il grande pubblico. E' del 1960 il suo primo film da attore e regista, 'Un ragazzo tutto fare'.

La leggenda della comicità americana deve la sua fortuna anche al sodalizio con Dean Martin, sbocciato nel 1946 e durato un decennio in teatro, cinema e televisione. Il successo fu immediato e i due diventarono la coppia più celebre dell'epoca. Nel corso della sua carriera Lewis è stato regista e si è cimentato anche nel mondo della musica. Tutti i suoi sketch sono pressochè improvvisati, tanto da aver portato sul set la tecnica del 'video assist', oggi abitualmente usata.

Il suo capolavoro più acclamato, 'Le folli notti del dottor Jerryll', è del 1963. Comicità e beneficenza per Lewis andavano di pari passo. Dal 1966 l'attore presenta in tv il decennale programma 'Lewis Mda Telethon' per raccogliere fondi a favore della Muscular dystrophy association, associazione che aiuta i malati di distrofia muscolare. Di recente fonda la House of laughter, la Casa della risata, per aiutare i bambini malati o reduci da traumi attraverso il potere terapeutico della risata, con cui lo scorso 19 giugno organizza un gala benefico dedicato a Robby Williams. 

Scritto da 
  • Ester Castano
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Cannes 2018, a Marcello Fonte il Premio come Miglior attore per “Dogman”

Trionfo dell'Italia a Cannes: vincono Rohrwacher e Fonte. La Palma d'oro è giapponese

A "Shoplifters" il massimo riconoscimento del festival. "Dogman" vince la miglior interpretazione maschile, mentre "Lazzaro felice" la miglior sceneggiatura

Photocall di Dogman a Cannes

Cannes, i 21 film in corsa per la Palma d'oro: tra loro Garrone e Rohrwacher

Il riconoscimento verrà assegnato stasera: tra i favoriti i due italiani e la pellicola di Spike Lee

Massimo Decimo Meridio torna al Colosseo: proiezione da brividi per "Il gladiatore"

Una cornice unica per un concerto benefico a favore del programma End Polio Now

Red carpet del film Dogman al Festival di Cannes

Cannes, Garrone colpisce con 'Dogman': in lizza per la Palma d'Oro

Ben dieci minuti di applausi dopo la proiezione in sala