Domenica 25 Dicembre 2016 - 16:30

Terremoto di magnitudo 7.6 in Cile: rientra l'allerta tsunami

Annullata anche l'evacuazione totale delle zone costiere

Forte scossa di terremoto in Cile

Un scossa di terremoto di magnitudo 7.6 gradi della scala Richter ha colpito la città di Quellón, nel sud del Cile. Lo rende noto il servizio geologico degli Stati Uniti (Usgs).

Secondo il centro sismologico nazionale dell'Università del Cile, la scossa è stata avvertita alle 11.01 locali (le 15.01 in Italia) e il suo epicentro è stato localizzato a 28 chilometri a sud-est di Quellon a 1.284 chilometri da Santiag del Cile.

Il servizio idrografico e oceonografico del Cile, dopo un primo momento di allerta, ha annunciato la revoca totale della minaccia tsunami per le coste cilene a seguito della scossa.
"Secondo le informazioni raccolte da stazioni a livello del mare, le evoluzioni dell'onda tsunami e le informazioni di campo, si annulla completamente lo stato di precauzione per lo tsunami e si stabiliscono condizioni normali su tutto il territorio nazionale", si legge sul sito. Annullata anche l'evacuazione totale delle zone costiere.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Tensione Usa-Iran. Trump: "Fate attenzione". Teheran: "Stupido"

Il presidente americano su Twitter contro Rouhani che aveva avvertito gli Usa assicurando che un conflitto con Teheran sarebbe "la madre di tutte le guerre"

Paura a Toronto, sparatoria in strada: tre morti e 12 feriti

Un uomo armato, freddato poi dalla polizia, ha aperto il fuoco nel quartiere greco uccidendo una donna. Tra i coinvolti anche un bambino

Russiagate, Trump al contrattacco: "Fbi spiava la mia campagna"

Per il presidente il Bureau teneva sotto controllo un suo consulente per avvantaggiare Hillary Clinton

La Proactiva Open Arms in azione al largo della Libia

Migranti, appello del Papa: "Basta tragedie". Open Arms non denuncia Italia

Per l'ong la guardia costiera libica è colpevole di omissione di soccorso e omicidio colposo in relazione alla morte di due migranti. Tripoli nega: "Solo calunnie"