Venerdì 05 Agosto 2016 - 19:30

Chicago, agenti uccidono 18enne afroamericano: diffuso il video

Il filmato è stato ripreso dalla 'body camera' indossata da uno dei poliziotti

Chicago, 18enne afroamericano ucciso da agenti: il video della sparatoria

Un altro ragazzo afroamericano è stato ucciso la scorsa settimana da un agenti di polizia a Chicago. Oggi la polizia locale ha diffuso un video sulla morte del 18enne Paul O'Neal, ucciso da colpi di arma da fuoco alle spalle lo scorso 28 luglio, secondo quanto rende noto il Chicago Daily Tribune.

 

 

Nel filmato si vedono gli agenti sparare contro un'auto in fuga da cui poi esce O'Neal. Gli agenti lo inseguono e continuano a fare fuoco contro il ragazzo, accusato di aver rubato la macchina, colpendolo alla schiena. Nelle immagini non viene mostrato un colpo fatale, ma si sente il suono dei proiettili esplosi.

Secondo quanto spiega il quotidiano, il video è stato ripreso dalla 'body camera' indossata da uno degli agenti coinvolti nella sparatoria. Sharon Fairley, capo del consiglio di sorveglianza della polizia di Chicago, lo ha definito 'scioccante e preoccupante' e per questo ha deciso di diffonderlo.

Al momento, tre agenti sono stati sollevati dal loro incarico.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Weinstein è in stato di arresto: incriminato per stupro e abusi sessuali

L'ex magnate dell'industria cinematografica comparirà oggi in un tribunale di Manhattan. Fissata cauzione di 2 milioni di dollari

BULGARIA-EU-SPAIN-POLITICS

Partito Rajoy condannato per corruzione, Ciudadanos chiede nuove elezioni

Caos in Spagna dopo il processo Guertel. E il Psoe presenta una mozione di sfiducia

Canada, bomba in un ristorante indiano: 15 feriti, ricercati due uomini

Paura a Mississauga, in Ontario. Tre persone sono in gravi condizioni

Weinstein si consegna alla polizia di New York: accusato di stupro

L'ex magnate dell'industria cinematografica, accusato di molestie da oltre 100 donne, affronta una possibile incriminazione per reati sessuali