Venerdì 30 Giugno 2017 - 21:30

Chi è Johnny lo Zingaro: una vita fra crimine e carcere

A 11 anni a aveva già all'attivo un furto e una sparatoria

Chi è Johnny lo Zingaro: una vita fra crimine e carcere

Giuseppe Mastini, noto come Johnny Lo Zingaro, nasce nel 1960 a Bergamo, da una famiglia di giostrai di etnia sinti. A 10 anni si trasferisce a Roma coi familiari e inizia subito a frequentare la criminalità giovanile del quartiere Tiburtino e a 11 anni ha già all'attivo un furto e una sparatoria con la polizia. Il 30 dicembre 1975 rapina un autista di tram con un complice. Sparano contro all'autista due colpi di pistola e ne occultano il cadavere, che verrà trovato una settimana più tardi in un prato in zona Tiburtina. Il 15 gennaio 1976 vengono emessi due ordini di cattura a carico di Johnny e del suo complice. Le accuse sono di omicidio volontario, rapina aggravata e porto abusivo di pistola. Il giorno successivo Johnny si costituisce e viene rinchiuso nel carcere minorile di Casal Del Marmo. Pochi giorni dopo l'arresto, il 2 febbraio 1976 Johnny e il suo  evadono dal carcere di Casal Del Marmo. Il giorno dopo si costituiscono.
Johnny viene trasferito al carcere minorile de L'Aquila. Evade nuovamente, il 24 settembre 1977, ma la latitanza dura pochi giorni. Per l'omicidio dell'autista di Roma Johnny Lo Zingaro viene condannato a 11 anni di carcere. Maggiorenne, Johnny viene trasferito al carcere dell'Isola di Pianosa, in provincia di Livorno. Da qui, nel 1981 evade per l'ennesima volta. Riprende la sua attività di rapinatore. Viene fermato insieme a un complice, dopo un inseguimento. A bordo della sua auto vengono trovate armi. Si sospetta quindi che  Mastini, detto Johnny lo Zingaro, insieme ad altri, stesse organizzando un sequestro di persona. Viene rinchiuso nel carcere di Rebibbia, dove tenta ancora una volta di fuggire. Poi viene trasferito a Volterra. Qui Mastini sembra cambiare passo, tanto che nel maggio 1986 torna a Rebibbia accompagnato da un rapporto in cui si legge che è consapevole di dover cambiare strada. Nel febbraio 1987 ottiene una licenza di otto giorni per buona condotta. Al termine della licenza, però, non fa ritorno in carcere, ma compie decine di rapine in vari quartieri della capitale.
Nel 1987 per Johnny scatta un ordine di cattura per omicidio a scopo di rapina, tentativo di omicidio e detenzione illegale di armi da fuoco. Si tratta dell'omicidio Sacrofano Poi nel 1989 arriva la condanna all'ergastolo, per tutti i reati a lui ascritti (ad eccezione dell'omicidio di Sacrofano, per insufficienza di prove) in seguito a una serie di sparatorie e sequestri di persona effettuati a Roma nella notte del 23 marzo 1987. La condanna all'ergastolo sarà resa definitiva dalla Cassazione. Il suo nome fu anche legato al caso Pasolini per via di un'amicizia con militanti neofascisti.

Alla sua figura è dedicato il film Johnny lo Zingaro, tutta la verità diretto da Emanuele Del Greco, e un brano musicale dei Gang dal titolo Johnny lo Zingaro. 'Venderà cara la pelle  Johnny non si arrenderà. Né finestre né mura né celle Mai potranno fermare la sua libertà', recita la canzone.

Scritto da 
  • Laura Carcano
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

La festa degli indiani Sikh a Brescia

Milano, nozze combinate in Bangladesh a 10 anni: mamma la salva

Il matrimonio organizzato dal padre tra la figlia e un 22enne. Ma la madre ha strappato i passaporti e denunciato il marito

ITALY-LIBYA-EUROPE-MIGRANTS-NGO

Migranti, bimbo nato a bordo nave Aquarius: si chiama 'Miracolo'

Il piccolo è venuto alla luce sull'imbarcazione di ricerca e soccorso gestita da Medici Senza Frontiere e Sos Mediterranee. Lui e la mamma stanno bene

Sole e nuvole ma fa caldo: il meteo del 27 e 28 maggio

Le previsioni del servizio meteorologico dell'aeronautica militare

Roberto Izzo in aula per deporre durante il processo per la strage di Piazza Loggia

Morte Corazzin, sindaco San Vito al Tagliamento: "Verità per Rossella"

Parla Antonio Di Bisceglie, primo cittadino del Comune dove viveva la 17enne che, secondo la testimonianza del Angelo Izzo, sarebbe stata rapita e uccisa da un branco di giovani