Domenica 27 Maggio 2018 - 22:00

Chi è Cottarelli, l'ex commissario alla spending review chiamato da Mattarella

Convocato al Quirinale dopo che il premier incaricato Conte ha rimesso il mandato

Ritratti posati di Carlo Cottarelli

Sarà Carlo Cottarelli l'uomo che riuscirà a tirare l'Italia fuori dallo stallo che dura dal 4 marzo? L'ex commissario alla spending review era stato indicato da più parti come possibile componente del governo per quel ministero all'Economia che, con l'indicazione di Paolo Savona, ha portato al naufragio del governo giallo-verde. "Se quello che si vuole fare è aumentare il deficit io non sono la persona giusta, altri non so - ha detto lo scorso 18 maggio in un'intervista a LaPresse -  Se si punta all'aumento del deficit io mi tiro fuori". Ora potrebbe essere proprio lui l'uomo chiamato a girare pagina rispetto a quel programma.

Nato a Cremona nel 1954, laureato in Economia a Siena, master alla London School of Economics,  ha lavorato dal 1981 al 1987 presso la direzione monetaria del Servizio Studi della Banca d'Italia e dal 1987 al 1988 al Servizio Studi dell'Eni. E' stato direttore esecutivo ell Fondo Monetario Internazionale (FMI) per Italia, Albania, Grecia, Malta, Portogallo e San Marino da novembre 2014 a ottobre 2017. Da ottobre 2013 a ottobre 2014 - nei governi Letta e Renzi - è stato commissario per la Revisione della Spesa Pubblica in Italia. Dal 2008 al 2013 Direttore del Fiscal Affairs Department del Fondo Monetario Internazionale. Attualmente, oltre ad essere Direttore dell'Osservatorio sui Conti Pubblici Italiani (incarico a titolo gratuito), è visiting professor alla Bocconi.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Vertice tra i 'big' del governo: "Impegno su debito". Scende lo spread

Telefonata tra Conte, Di Maio, Salvini e Tria. Il differenziale Btp-Bund in calo dopo aver toccato quota 278 punti base

Marco Minniti alla festa de L'Unità di Torino

Tav, Esposito: "Perino vs M5S? Pd stani grillini con una mozione"

L'ex senatore dem esorta il suo partito a mettere Toninelli "nella condizione di dover votare un documento al di là della propaganda"

M5s, festa del governo del cambiamento

Allarme suicidi tra i militari, Trenta: "Più caserme al Sud e sostegno psicologico"

La titolare della Difesa: "Occorre lavorare duramente per stare più vicino ai nostri militari e alle loro famiglie"

Conferenza stampa del Movimento NoTav a Venaus

No Tav, è rottura con il M5S. "In che mani ci siamo messi!"

Un documento di Alberto Perino, leader del movimento contrario alla Torino-Lione, prende le distanze dall'"immobilismo" dei 5 Stelle. Lo riferisce Repubblica.it