Martedì 26 Aprile 2016 - 12:45

Chernobyl, ragazza bielorussa: 30 anni pochi per cancellare dramma

Intervista a Larisa Baranovskaya, nata due anni dopo la tragedia e cresciuta a poca distanza dalla vecchia centrale

Ucraina, 30° anniversario del disastro nucleare di Chernobyl

A 30 anni di distanza il disastro nucleare di Chernobyl continua a scuotere le coscienze e a suscitare indignazione, ma soprattutto una solidarietà profonda verso le vittime di allora e di oggi. Poche altre catastrofi hanno visto  mobilitazioni massicce come quella messa in moto subito dopo l'esplosione al reattore nucleare, che prosegue ancora oggi perché i villaggi continuano ad essere contaminati e le famiglie che vivono al confine tra Ucraina e Bielorussia ad essere malate. Larisa Baranovskaya è nata due anni dopo la tragedia ed è cresciuta a poca distanza Chernobyl. Quando era bambina - racconta a LaPresse - è venuta in Italia per dei soggiorni di cura e ora si occupa di organizzare i viaggi dei suoi connazionali che vengono accolti nel nostro Paese collaborando con le Associazioni Cernobyl Lombardia.

LEGGI: Il problema irrisolto delle scorie nucleari nel Vercellese

A 30 anni dal disastro Ucraina ricorda vittime

Migliaia di operai per smantellare sito

 

Sono passati 30 anni da quel giorno. Com'è ora la situazione nei posti limitrofi più colpiti?
Si può dire che sono passati 30 anni, ma vi rispondo che sono passati 'solo' 30 anni. Serve molto di più di 30 anni per migliorare la situazione in questa zona. Nei posti limitrofi più colpiti la gente adesso impara a vivere nelle nuove condizioni. La gente impara a coltivare la verdura, il grano senza radionuclidi o con il tasso ammissibile di radionuclidi. Impara produrre il latte e la carne senza cesio. E la gente riesce a farlo. Chi cerca la  soluzione, la trova sempre. Per continuare a vivere in questa zona le persone iniziano ad aprire nuove attività. A Dobrush stanno costruendo una nuova fabbrica di carta. A Bragin si stanno organizzando per produrre energia solare. Mentre nella provincia di Vetka stanno aprendo la fattoria avicola più grande della regione.

Ci sono conseguenze del disastro che ancora oggi condizionano la vita quotidiana delle persone che abitano queste zone?
Tutti dobbiamo essere più attenti alla salute. Ogni anno bisogna fare controlli medici, tra i quali le ecografie alla tiroide e la misurazione dell'esposizione alle radiazioni".

Ha un ricordo diretto del giorno della tragedia? Cosa la colpì maggiormente?
Non ho ricordi diretti perché sono nata dopo 2 anni dalla tragedia. Ma so che nessuno ha capito precisamente cosa stava succedendo. Nessuno riusciva a comprendere che cosa fosse la  radioattività e perché dovevano prestare attenzione e andare a vivere in altri posti 'più puliti'".

Da adolescente ha partecipato viaggi organizzati in Italia. Come ha influito questa esperienza nella sua crescita?
Da bambina sono stata in Italia, e precisamente in Basilicata, qualche volta per migliorare la mia salute. Ogni anno anno aspettavo con ansia questo viaggio in Italia e già da bambina imparavo italiano con tanta voglia, ascoltavo le canzone italiane, che per me sono le più belle del mondo. Ogni anno prima di partire andavo a comprare regali per mia famiglia italiana: volevo donargli le cose più belle perché sapevo che facevano tanto per me e che mi volevano bene. Questa esperienza ha influito tanto nella mia crescita. Mi ha insegnato ad aiutare le persone, a comprendere meglio le differenze con le altre nazioni, ad essere più curiosa e indipendente. Ho visto un'altra vita in Italia che mi è piaciuta molto e grazie a questa esperienza ho capito che dovevo studiare tanto per avere possibilità di vivere meglio anche in Bielorussia. Dobbiamo sfruttare le possibilità che abbiamo nelle nostre mani.

Crede che l'Italia abbia fatto abbastanza sia come nazione, sia a livello di volontariato?
Sono sicura che Italia è fatto tantissimo. L'Italia fa un grande lavoro per la Bielorussia, per i nostri bambini, per il nostro futuro. Questa attività parte da cuori pieni di amore e compassione.

Adesso si occupa di organizzare questi viaggi. Secondo lei hanno ancora una importanza medica, oltre all'esperienza formativa?
Questi viaggi di sicuro hanno una grande importanza medica anche adesso. I nostri medici dicono che un mese nelle zone 'pulite' diminuisce il livello di radioattività. E per noi, per nostri  bambini, per il nostro futuro è di grande importanza avere questa bella possibilità per migliorare la salute.

Loading the player...
Scritto da 
  • Claudia Luise
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

FILE PHOTO: Laurent Wauquiez, the front-runner for the leadership of French conservative party "Les Republicains" (The Republicans) attends a political rally in Saint-Priest

Francia, Wauquiez prende il posto di Sarkozy: "Ricostruirò centrodestra"

È il nuovo leader dei "Republicains" e ora dovrà ricostruire una realtà politica ancora scossa dal fatto di non essere riuscita, per la prima volta nella Quinta Repubblica, ad arrivare al ballottaggio per la presidenza

New York, esplosione a fermata degli autobus di Manhattan

Esplosione a Nyc, un arrestato con giubbotto esplosivo. "Era collegato all'Isis"

Tra la 42esima strada e la 8th Avenue. L'attentatore rimasto ferito da un tubo-bomba. Si chiama Akayed Ullah, ha 27 anni, originario del Bangladesh

Stazione O

Vecchie, affollate, sempre in ritardo. Ecco le 10 peggiori linee di pendolari

Uno studio di Legambiente raccoglie i pareri degli utenti. Una classifica molto poco "onorevole" che riguarda milioni di persone

Russian President Vladimir Putin addresses officials of Rostec high-technology state corporation at the Novo-Ogaryovo state residence outside Moscow

Putin ordina il ritiro delle truppe russe dalla Siria

Il presidente ha avuto un colloquio a sorpresa con il suo omologo siriano Bashar al-Assad