Giovedì 27 Luglio 2017 - 18:15

Charlie, ordinato trasferimento in hospice per staccare macchine

Un giudice britannico ha disposto il trasferimento del piccolo, affetto da depressione del Dna mitocondriale

Charlie Gard's parents Connie Yates and Chris Gard read a statement at the High Court after a hearing on their baby's future, in London

Un giudice britannico ha disposto che il piccolo Charlie Gard sia trasferito in un hospice dove verranno staccati i sistemi per tenerlo in vita. Il bambino ha 11 mesi ed è affetto da una rara patologia, depressione del Dna mitocondriale. Lo riferisce Sky news.

A tenere vivo il bambino è un sistema di ventilazione. Era scaduto alle 12 di oggi il tempo concesso dal giudice ai genitori di Charlie Gard per la scelta di una clinica per malati terminali dove assistere il piccolo nelle ultime ore di vita. Connie Yates e Chris Gard avevano cercato di portare a casa il figlio, ma l'ospedale di Great Ormond Street, dove Charlie è in cura, ha spiegato che non sarebbe stato possibile a causa delle attrezzature invasive necessarie per mantenerlo in vita. Senza l'individuazione di una struttura adatta da parte della famiglia, doveva essere il giudice a stabilire il luogo in cui far morire il bimbo di 11 mesi. E oggi si è verificata la condizione che ha portato alla decisione dell'autorità giudiziaria.

Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Papa Francesco a Puerto Maldonado per abbracciare gli indigeni

Il Papa contro la cultura machista: "Donne schiave di violenza senza fine"

Nell'incontro con gli indigeni del Perù Bergoglio denuncia una situazione non più tollerabile

Papa Francesco incontra i Popoli Amazzonia nel Coliseo in Perù

Papa dagli Indios in Perù: "Lotto con voi per salvare l'Amazzonia"

Francesco continua il suo viaggio in Sudamerica e incontra i nativi

Trump interviene via video alla marcia anti-aborto a Washington: è la prima volta

Si tratta della prima apparizione pubblica di un presidente alla manifestazione: Reagan e George W. Bush si erano collegati con il corteo ma solo per telefono

Isis, ucciso in Siria il rapper jihadista tedesco Deso Dogg

Nel 2014 la traduttrice dell'Fbi incaricata di controllarlo lo aveva raggiunto nel Paese per sposarlo