Lunedì 24 Luglio 2017 - 07:15

Charlie, medici Londra minacciati di morte. Atteso verdetto su cure

Spetta all'Alta corte la decisione sul trasferimento del bimbo negli Stati Uniti, dove verrebbe sottoposto ad una nuova terapia

Charlie, minacce di morte ai medici londinesi. Atteso verdetto su cure sperimentali

Minacce di morte arrivano da settimane al personale dell'ospedale Great Ormond Street di Londra, dove è ricoverato Charlie, il bambino affetto da deplezione del Dna mitocondriale il cui caso ha avuto risonanza mediatica internazionale. La portavoce della clinica, Mary MacLeod, ha spiegato che i medici e gli infermieri sono stati vittime di abusi verbali in strada e online, e hanno ricevuto migliaia di messaggi minacciosi. Intanto, domani è atteso il verdetto dell'Alta corte di Londra sul trasferimento del bimbo negli Stati Uniti, come chiedono i genitori e contro il parere dei medici britannici, perché sia sottosto a cure sperimentali.

Charlie Gard ha 11 mesi e soffre della rara malattia genetica che causa debolezza muscolare progressiva e danni cerebrali irreversibili; secondo i medici non può muoversi ed è sordo, cieco e incapace di respirare da solo. A tenerlo in vita sono le macchine, che l'ospedale vuole spegnere per concedergli una morte dignitosa. I genitori Connie Yates e Chris Gard però si oppongono e hanno dato il via a una battaglia legale, nei tribunali del Regno Unito e alla Corte europea dei diritti umani, per sottoporlo a una cura sperimentale.

I giudici hanno dato ragione all'ospedale, ma a fermare i medici sono subentrati l'intervento del Papa e del presidente americano Donald Trump, la concessione della cittadinanza americana alla famiglia, nonché l'offerta dell'ospedale Bambino Gesù di Roma di accogliere il piccolo. Ora il caso è in analisi all'Alta corte di Londra. Domani il giudice dovrebbe decidere se autorizzare o meno che il bambino sia trasferito negli Stati Uniti per essere sottoposto alle cure sperimentali. Intanto, i genitori hanno raccolto mezzo milione di firme a sostegno della loro causa e 1,5 milioni di euro per finanziare le cure all'estero.

"Il caso di Charlie è doloroso. Capiamo totalmente il grande interesse pubblico e le emozioni. Riconosciamo l'instancabile dedizione degli affettuosi genitori di Charlie e la solidarietà che la gente ha verso la sua situazione", ha affermato il portavoce dell'ospedale. "Tuttavia, nelle ultime settimane la comunità dell'ospedale è stata bersaglio di una sorprendente e spiacevole ostilità e di molestie. Il personale ha ricevuto minacce, sia in strada sia tramite il web. Migliaia di messaggi contenenti abusi sono stati inviati ai medici e agli infermieri, il cui lavoro è curare i bambini malati", ha aggiunto. "Molti di questi messaggi sono minacciosi, con minacce di morte", secondo l'ospedale, che ha segnalato di essere per questo in contatto con la polizia di Londra.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Catalogna, Rajoy destituisce Puigdemont. In 450mila scendono in piazza a Barcellona

Il governo di Madrid applica l'articolo 155 della Costituzione: ora la palla passa al Senato

Trump annuncia: "Divulgherò documenti segreti su John F. Kennedy"

Trump annuncia: "Divulgherò documenti segreti su John F. Kennedy"

Poche ore fa il sito Politico citava fonti ufficiali secondo cui il presidente aveva in programma di bloccare la pubblicazione, ma il nuovo tweet smentisce questa versione

Pablo Neruda

Pablo Neruda non morì di cancro: potrebbe essere stato avvelenato

A rivelarlo una squadra internazionale di esperti e periti, che annuncia di avere trovato una tossina nei resti del poeta cileno

Afghanistan, kamikaze in due moschee

Afghanistan, attacco ad accademia militare Kabul: almeno 15 morti

Meno di 24 ore prima, due attacchi kamikaze hanno causato la morte di oltre 50 persone in due diverse moschee di Kabul