Mercoledì 23 Agosto 2017 - 13:00

"Islam religione di pace... eterna". Charlie Hebdo nella bufera

La copertina del settimanale accende le polemiche per l'ironia sull'attentato a Barcellona

Critiche al settimanale satirico francese Charlie Hebdo per la sua copertina dedicata dall'attentato di giovedì sulla Rambla a Barcellona. Il disegno della prima pagina, che mostra due persone a terra con macchie di sangue e il van che le ha uccise, è accompagnata dal titolo 'Islam religione di pace...eterna'.

 

Stéphane Le Foll, ex ministro socialista ed ex portavoce del governo dell'ex presidente francese François Hollande, in un'intervista trasmessa da Rmc e Bfmtv, ha espresso la sua contrarietà all'illustrazione di Juin: "Gli amalgami sono molto pericolosi. Dire che l'islam è una religione di pace lasciando intendere, di fatto, che è una religione di morte, risulta estremamente pericoloso", ha affermato Le Foll.

E alcune reazioni sui social network sono state molto più dure, con accuse di islamofobia e razzismo rivolte al giornale. Charlie Hebdo è frequentemente oggetto di critiche, che spesso sono state relative alla sua posizione su islam e terrorismo. Il 7 gennaio del 2015 la redazione del settimanale fu vittima di un attacco jihadista, in cui furono uccise 12 persone.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Isabell e Preble: morire insieme dopo 71 anni di matrimonio

Una storia americana: si sposarono nel 1946, hanno vissuto sempre vicini e se ne sono andati a poche ore di distanza l'uno dall'altra

The Argentine military submarine ARA San Juan and crew are seen leaving the port of Buenos Aires

Argentina, rilevata un'esplosione nel luogo della scomparsa del sottomarino

Un "rumore" era stato registrato circa tre ore dopo l'ultima comunicazione avuta con il mezzo disperso dal 15 novembre

Ratko Mladic

Chi è Ratko Mladic: 'macellaio' di Srebrenica e assedio Sarajevo

L'ex generale è stato condannato per genocidio e crimini contro l'umanità

Victims and their family members watch a television broadcast of the court proceedings of former Bosnian Serb general Ratko Mladic in the Memorial centre Potocari near Srebrenica

Srebrenica: Mladic condannato all'ergastolo, ma farà ricorso

Era l'ultimo grande accusato per il suo ruolo nella guerra in Bosnia, conflitto che causò almeno 100mila morti