Mercoledì 23 Agosto 2017 - 13:00

"Islam religione di pace... eterna". Charlie Hebdo nella bufera

La copertina del settimanale accende le polemiche per l'ironia sull'attentato a Barcellona

Critiche al settimanale satirico francese Charlie Hebdo per la sua copertina dedicata dall'attentato di giovedì sulla Rambla a Barcellona. Il disegno della prima pagina, che mostra due persone a terra con macchie di sangue e il van che le ha uccise, è accompagnata dal titolo 'Islam religione di pace...eterna'.

 

Stéphane Le Foll, ex ministro socialista ed ex portavoce del governo dell'ex presidente francese François Hollande, in un'intervista trasmessa da Rmc e Bfmtv, ha espresso la sua contrarietà all'illustrazione di Juin: "Gli amalgami sono molto pericolosi. Dire che l'islam è una religione di pace lasciando intendere, di fatto, che è una religione di morte, risulta estremamente pericoloso", ha affermato Le Foll.

E alcune reazioni sui social network sono state molto più dure, con accuse di islamofobia e razzismo rivolte al giornale. Charlie Hebdo è frequentemente oggetto di critiche, che spesso sono state relative alla sua posizione su islam e terrorismo. Il 7 gennaio del 2015 la redazione del settimanale fu vittima di un attacco jihadista, in cui furono uccise 12 persone.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Messico, terremoto di magnitudo 7.1: crolla un palazzo / VIDEO

Su Twitter le immagini di un edificio distrutto a Città del Messico. Ancora non si sa se ci sono vittime

Fortissima scossa di terremoto in Messico: migliaia di persone in strada

Scossa magnitudo 7 nel sud del Messico: bambini sotto le macerie, oltre 120 morti

Almeno 27 le palazzine crollate nella capitale: soccorritori scavano a mani nude

Spagna, pullman di studenti Erasmus esce di strada: muoiono 13 ragazze

Studentesse Erasmus morte in Spagna, archiviata causa contro autista bus

Il papà di una delle italiane: "Si vogliono coprire le inefficenze"

Ryanair cancellations

Ryanair, sono 704 i voli cancellati in Italia. Le tutele per i viaggiatori

Rimborsi o nuovi biglietti. La normativa è complessa. Consumatori sul piede di guerra