Martedì 05 Luglio 2016 - 18:15

Charamsa: Dopo coming out voglio un figlio e sposarmi in Chiesa

Le clamorose dichiarazioni dell'ex teologo gay che ha sconvolto il Vaticano

Charamsa: Dopo coming out voglio un figlio e sposarmi in Chiesa

"Sposarmi e avere dei figli? Come gran parte dei gay innamorati del proprio compagno vorrei. Ci penso e sono contento che in Italia ci sia questa apertura ai diritti delle coppie gay. Ma non credo che basti: da cattolico e da sacerdote (quale io mi sento sempre) sono per il matrimonio in Chiesa. Se due creature del Signore - siano etero, gay, lesbiche o trans - si amano davvero, perché il loro amore non dovrebbe essere benedetto? Siamo persone, figli di Dio, non pervertiti: dovremmo avere gli stessi diritti di tutti e accesso agli stessi sacramenti". Queste le clamorose dichiarazioni che Krysztof Charamsa, ex teologo del Sant'Uffizio che ha sconvolto il Vaticano lo scorso ottobre dichiarandosi gay e innamorato del funzionario governativo catalano Eduard Plans, ha rilasciato in un'intervista esclusiva pubblicata dal settimanale 'Chi' in edicola da mercoledì 6 luglio. L'ex monsignore si trova in Italia per presentare il suo ultimo libro 'La prima pietra- Io prete gay' e ha avuto parole durissime nei confronti della Chiesa.

"Ho sempre voluto essere un prete. Profondamente - dice l'ex sacerdote, ora sospeso a divinis - Ma la Chiesa si è dimostrata omofoba. Considera gli omosessuali dei malati, colpevoli della peggiore delle nefandezze. Nonostante quello che dice Papa Francesco è ferma a 50 anni fa. Anche i divorziati restano degli emarginati colpevoli: non è cambiato nulla. La Chiesa impone ai gay un percorso di tortura, tra ipocrisie e sensi di colpa: considera le loro 'schifose' tendenze non degne di essere chiamate 'amore".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Roberto Izzo in aula per deporre durante il processo per la strage di Piazza Loggia

Morte Corazzin, sindaco San Vito al Tagliamento: "Verità per Rossella"

Parla Antonio Di Bisceglie, primo cittadino del Comune dove viveva la 17enne che, secondo la testimonianza del Angelo Izzo, sarebbe stata rapita e uccisa da un branco di giovani

Vigili del Fuoco controllano la facciata della Biblioteca Civica Centrale

Roma, giù dal cavalcavia dell'A24: morti suicidi due fratelli gemelli

È successo sull'autostrada Roma l'Aquila, subito dopo Tivoli. Avevano 56 anni

Valanga in Valmalenco, morti due scialpinisti

Trento, valanga travolge un gruppo di scialpinisti: recuperati 3 feriti gravi

Mentre salivano in cordata il canalone Breloni, a San Martino di Castrozza, sono stati investiti da una placca di neve staccatasi dalla parete

Ritardi partenze treni direzione nord Italia

Sciopero treni 26-27 maggio: possibili disagi per i viaggiatori

Tre le mobilitazioni: due di Cat per il rinnovo dei contratti, l'altra di Orsa dopo l'incidente ferroviario nel Torinese