Mercoledì 09 Marzo 2016 - 23:45

Champions League: Psg ai quarti, Chelsea ko 2-1

Di Ibrahimovic il gol vittoria dopo le reti nel primo tempo di Rabiot e Diego Costa

Il Psg festeggia dopo il passaggio del turno

Psg ancora una volta fatale per il Chelsea. I francesi accedono ai quarti di finale di Champions League battendo proprio i londinesi, come nella scorsa stagione. Netta la superiorità della squadra di Blanc, che dopo aver vinto la partita d'andata si è confermata anche nel ritorno a Stamford Bridge, espugnato 2-1 tra gli 'olè' finali del pubblico francese.

 

Gara vibrante fin dalle prime battute. Al 4' Diego Costa impegna Trapp, imbeccato da Wilian dopo un errore della difesa degli ospiti. Poco dopo sul fronte opposto Ivanovic salva i suoi sul tiro di Di Maria a Courtois battuto. Il Psg, dopo un gol annullato a Ibrahimovic, continua a premere e al 16' passa: Di Maria serve sulla destra Ibrahimovic, che fa partire un cross rasoterra sul palo opposto per l'inserimento vincente di Rabiot, che da due passi porta avanti il Psg. I padroni di casa faticano a riorganizzarsi ma alla prima vera opportunità trovano il pareggio. Thiago Motta perde palla a centrocampo, Hazard verticalizza per Diego Costa che salta con una magia Thiago Silva e di sinistro trafigge Trapp. La rete dello spagnolo galvanizza il Chelsea, che cresce con il passare dei minuti. Al 34' però i campioni di Francia tornano a farsi vedere dalle parti di Courtois con un colpo di testa centrale di Ibrahimovic dopo una bella azione personale sulla destra di Lucas. Il finale di frazione è favorevole all'undici di Hiddink. Al 39' Fabregas non riesce a inquadrare lo specchio della porta calciando un paio di metri a lato. Nel recupero Diego Costa semina il panico nella difesa avversaria e fa partire un rasoterra su cui Trapp non è perfetto. Fondamentale il salvataggio di Marquinhos sulla corta respinta del portiere del Psg.

 

L'avvio di ripresa mostra un Chelsea arrembante alla ricerca del gol che prolungherebbe la gara ai tempi supplementari. Al 16' però i londinesi perdono per infortunio il loro trascinatore, Diego Costa, costretto a uscire e rimpiazzato da Traorè. Tre minuti dopo il Psg torna a farsi vedere in attacco con il solito Ibrahimovic, che partito sull'out sinistro si allunga leggermente la sfera favorendo la chiusura di Courtois. Ben più complicato il doppio intervento che vede protagonista Trapp due minuti dopo. Il portiere del Psg prima salva su Willian, poi su Hazard qualche secondo dopo. Sarà la giocata decisiva, perche al 21' su un'azione di contropiede gli ospiti tornano in vantaggio: Di Maria scappa sulla fascia sinistra, servito da una magia di Thiago Motta, e fa partire un cross perfetto su cui si avventa Ibrahimovic che da due passi non sbaglia segnando la rete che di fatto taglia le gambe al Chelsea. Da lì in poi infatti i padroni di casa, già privi di Diego Costa e nel quarto d'ora finale anche di Hazard - sempre per infortunio . non riescono più a rendersi pericolosi. Il Psg vola così ai quarti di Champions per la quarta volta consecutiva (ma mai come questa volta sembra aver le carte in regola per poter arrivare in fondo) mentre il Chelsea saluta l'Europa nell'attesa della rifondazione dell'anno prossimo.
 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Europa League, Balotelli gol ma Nizza ko. Vince il Manchester Utd

Europa League, Balotelli gol ma Nizza ko. Vince il Manchester Utd

Per i red devils a segno il solito Ibrahimovic

Europa League, Sassuolo decimato: Genk ringrazia e vince 3-1

Europa League, Sassuolo decimato: Genk ringrazia e vince 3-1

Le reti all'8' di Karelis, al 25' di Bailey, al 61' di Buffel e al 65' di Politano

Europa League, spettacolo Totti: Roma travolge Astra 4-0

Europa League, spettacolo Totti: Roma travolge l'Astra 4-0

A decidere le reti di Strootman, Fazio, Salah e l'autogol di Fabricio

Europa League, Inter ancora flop: nerazzurri ko 3-1 a Praga

Europa League, Inter ancora flop: nerazzurri ko 3-1 a Praga

Nuova debacle per la squadra di De Boer, che chiude in dieci per l'espulsione di Ranocchia