Martedì 05 Dicembre 2017 - 22:45

Champions League, Juve agli ottavi: Cuadrado e Bernardeschi scacciano la paura

I bianconeri battono l'Olympiacos 2-0: l'Europa, per adesso, è al sicuro. Ma sabato con l'Inter sarà un'altra storia

Champions League, Olympiacos vs Juventus

Missione compiuta, la Juventus approda agli ottavi di Champions League andando a vincere ad Atene, su un campo che non è mai (stato) agevole per nessuno, anche se la differenza di valori con l'Olympiakos è parsa subito netta. In fondo, non era la serata giusta per esercizi di stile fini a se stessi, contava portare a casa la qualificazione e basta: era quello che volevamo tutti, dal presidente Agnelli all'ultimo dei magazzinieri; è quello che consente ai campioni d'Italia di scollinare un ostacolo delicatissimo e di guardare al 2018 con ritrovata serenità, in attesa del big match di sabato sera contro l'Inter, un confronto che potrebbe rivelarsi determinate per lo scudetto.

Intanto l'Europa, per adesso, è al sicuro. Un tocco di Cuadrado dopo 15 minuti di scaramucce, su assist di Alex Sandro, ha messo la squadra di Allegri nella condizione di gestire il match e di guardare senza ansia all'esito della gara del Camp Nou tra Barcellona e Sporting. Poi, a ridosso del fischio finale, è giunto il raddoppio di Bernardeschi. Non per questo l'allenatore bianconero è stato calmo in panchina: le sue urla hanno fatto da sottofondo alla contesa, quasi un leitmotiv in capo a una stagione fatta di alti e di bassi, di impennate e cadute. Allegri si è sbracciato, ha sbraitato, ha richiamato il gruppo alla massima attenzione, si è infuriato quando a pochi minuti dalla conclusione Ben Nabouhane ha centrato la traversa: ci mancava un altro blackout a rendere più complicato ciò che semplice non era.

Risultato a parte, non tutto è andato in sintonia con le attese, quasi un passo indietro rispetto al San Paolo sotto il profilo del gioco. La prestazione di Dybala non è stata all'altezza delle aspettative, pure Higuain dopo i fasti di Napoli è sembrato meno reattivo: se alla Juventus sfili le sue stelle argentine e se consegni i panni dell'unico genio a quel simpatico pasticcione di Douglas Costa, all'improvviso vengono a mancare ordine, imprevedibilità e pericolosità. Tra l'altro, l'atteggiamento poco reattivo dei greci - a dispetto dello svantaggio - poteva favorire lo sviluppo della manovra da parte dei bianconeri che invece hanno rischiato di incassare il pareggio con Djurdjevic, fermato da Szczesny. Il portiere polacco ha sostituito Buffon, in condizioni precarie, così come Mandzukic e Pjanic. Il bosniaco è entrato solo nella ripresa al posto de la Joya, a testimonianza delle difficoltà attraversate dal talentoso attaccante sudamericano.

A Bernardeschi sono bastati sei minuti per lasciare la sua griffe sull'incontro e sulla Champions: una nota lieta, una delle poche, assieme al risultato e al passaggio del turno. Ma sabato con l'Inter sarà un'altra storia.

Scritto da 
  • Vittorio Oreggia - Andrea Capello
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Real Madrid v Liverpool - UEFA Champions League - La Finale

Calcio, Ronaldo verso l'addio: "E' stato bello giocare nel Real"

Ma nessuno è in grado di dire dove potrebbe andare. Il presidente Perez: "Si parla sempre di lui, poi non succede nulla"

FBL-EUR-C1-LIVERPOOL-REAL MADRID

Champions League, Real Madrid ancora campione: Bale travolge il Liverpool

I Blancos conquistano la terza Coppa consecutiva: gol di Benzema e doppietta di Bale. salah esce in lacrime per un infortunio provocato da Ramos. I Reds ci provano con Manè ma le papere del portiere Karius incoronano la squadra di Zidane

Finale Champions, Real Madrid v Liverpool

Real Madrid vince la Champions. Liverpool in lacrime perde 3-1

Salah esce per infortunio. Gol di Benzema e doppietta di Bale. Mane pareggia per i Reds ma è tutto inutile

Liverpool v Real Madrid 2018 Champions League Final Package

Salah carico: "La finale di Champions è un sogno, voglio vincere"

L'egiziano si prepara alla sfida con il Real: "Dovremo solo concentrarci e non pensare a nulla del passato"