Giovedì 04 Maggio 2017 - 09:15

Champions League, capolavoro Allegri: Con questa Juve le scelte sono facili

Il tecnico dopo la vittoria con il Monaco: "Abbiamo fatto un passo in avanti ma non ancora quello definitivo"

Champions League, capolavoro Allegri: Con questa Juve le scelte sono facili

Se Higuain è stato il braccio armato, la mente di questa Juventus è Massimiliano Allegri. Anche a Montecarlo il tecnico toscano ha tirato fuori dal cilindro un'altra intuizione che alla fine è risultata decisiva nella strada che porta alla finale di Cardiff. "Abbiamo fatto un passo in avanti ma non ancora quello definitivo", ha subito chiarito Allegri in conferenza stampa. La panchina per Cuadrado e l'avanzamento di Dani Alves in avanti, con Barzagli terzino, sembrava una mossa volta a puntare su una partita di contenimento e sofferenza di fronte ai veloci attaccanti monegaschi. "Ci avevo pensato dopo la squalifica di Khedira", ha rivelato. Così è stato solo in parte, perché è vero che Buffon ha dovuto compiere almeno 4-5 parate strepitose ("nelle partite che contano Gigi c'è sempre, è ancora il numero 1") ma è altrettanto vero che proprio Dani Alves è stato il giocatore decisivo per espugnare lo Stade Louis II.

L'esterno brasiliano sta attraversando un momento di forma strepitosa e soprattutto ha la personalità e l'esperienza per affrontare le partite decisive di una competizione come la Champions League. Con una prestazione a tutto campo, due assist e una serie di giocate straordinarie, l'ex Barcellona ha guidato i compagni ad una vittoria fondamentale. "Dani Alves dove lo metti gioca, ma alla fine la qualità dei giocatori e l'intelligenza nel giocare mi rende più facile le scelte", ha sottolineato ancora il tecnico bianconero.

Per Allegri è ormai la conferma di essere uno dei primo 2-3 allenatori migliori al mondo. Il modo in cui tatticamente ha annientato il Barcellona e la prestazione perfetta di questa sera, sono grande merito del lavoro che il tecnico toscano svolge in fase di studio degli avversari con il suo staff. A quel punto per i suoi giocatori la partita diventa come sfogliare un libro aperto, in cui dell'avversario si conosce tutto e si anticipano le mosse. E' stato così contro Messi e compagni, è accaduto ancora a Montecarlo con la squadra di Jardim punita in quello che era il suo punto debole: l'organizzazione difensiva. "I ragazzi hanno fatto una bella partita. Non era facile, perché loro hanno giocatori di grande talento e veloci. Siamo stati bravi nei primi trenta minuti nel controllare la palla e poi a non concedere loro ripartenze", ha spiegato Allegri. Poi se in attacco hai campione come Higuain, allora tutto diventa più facile. "Higuain ha fatto due gol belli, su due splendide azioni. Sono contento, così non si dice più che in Champions non segna. Il suo lavoro è stato importante fino ad ora, ma è fondamentale che tutti si sacrifichino perché c'è sempre bisogno di tutti", ha dichiarato ancora Allegri.

Con la finale di Champions ipotecata, ora bisogna chiudere il discorso scudetto. Già domenica sera i bianconeri vincendo il derby il giorno prima, in caso di mancata vittoria della Roma contro il Milan sarebbero matematicamente campioni d'Italia per la sesta volta di fila. Per Allegri sarebbe il terzo scudetto consecutivo. In tribuna a Monaco c'era l'allenatore del Torino Sinisa Mihajlovic. "Non so cosa avrà pensato, ma certo il Derby è una partita fondamentale perché potrebbe avvicinarci allo scudetto. Ho una rosa importante che mi permetterà di cambiare i giocatori", ha concluso Allegri.

Scritto da 
  • dall'inviato Antonio Martelli
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Cristiano Ronaldo ad un evento promozionale a Pechino

Ronaldo fuoriclasse generoso, mancia record in Grecia: 20mila euro ai camierieri del resort

È quanto rivela il Sun. Il campione è rimasto talmente impressionato dal servizio ricevuto che non poteva andarsene senza un ringraziamento speciale

Cristiano Ronaldo esce per salutare

Juve, il giro del mondo di Ronaldo non passerà dagli Stati Uniti

Non andrà in America con la squadra ma dal 30 luglio sarà a disposizione. Ora è già partito per un tour promozionale della Nike in Cina

Ronaldo con la famiglia allo stadio: subito maglia della Juve per Cristiano Jr.

I primi scatti della nuova vita bianconera postati su Twitter

Juventus - Crotone

Fabio Paratici, l'uomo che ha portato CR7 alla Juventus: "Idea folle nata dopo rovesciata allo Stadium"

Un colpo straordinario quello del dirigente, che la Juve ha 'blindato' con un rinnovo triennale per 'sottrarlo' alla tentazione delle tante offerte ricevute da mezza Serie A