Giovedì 28 Gennaio 2016 - 19:30

Cerci: Al Genoa ambiente allegro, voglio rilanciarmi

Il nuovo acquisto in conferenza stampa

Hellas Verona - Genoa

"Ho trovato un ambiente allegro, persone disponibili. Sto sentendo l'affetto di presidente, società, allenatore, compagni e dell'ambiente intorno. Sono molto sereno e desideroso di rilanciarmi". Così il nuovo acquisto del Genoa Alessio Cerci intervenendo in conferenza stampa. "E' una opportunità da prendere al volo, nell'ultimo anno ho giocato poco e voglio tornare a essere il giocatore che ero. Credo che il Genoa, la filosofia del mister, possano valorizzarmi al meglio - ha proseguito l'ex giocatore del Milan - Il presidente Preziosi per anni mi ha cercato con insistenza: ha fatto di tutto per portarmi, lo ringrazio e ci tengo a ricambiarlo con i fatti".

"Sono entrato in un gruppo affiatato: spero di trovare la forma migliore, ma credo di essere a buon punto. Cercavo una realtà come il Genoa, club con una grandissima storia. Del Milan non voglio parlare. Guardando indietro mi resta il rammarico di essere stato poco all'Atletico Madrid - ha ammesso l'esterno cresciuto nelle giovanili della Roma - Fossi rimasto più a lungo, mi sarei adattato meglio, anche a saper soffrire. Nel calcio come nella vita si devono prendere decisioni". Il Grifone affronterà nelle prossime due partite Fiorentina e Juventus. "Ci aspettano delle partite difficili, pensiamo a noi stessi per recuperare terreno. Contro squadre così dobbiamo dare fondo a tutta la nostra determinazione. Ho seguito spesso il Genoa in tv, credo che avrebbe meritato un'altra classifica - ha sottolineato - Non penso che la Nazionale sia un capitolo chiuso, ci sono stato di recente. Sta a me dimostrare di essere tornato quello del Torino, ero convinto allora, lo sono di più oggi. Se metto in campo la voglia di rivincita, posso coltivare certe ambizioni. E' vero che ho dei limiti se, nella mia carriera, ho alternato picchi straordinari a periodi non positivi. Credo che a volte la differenza la possano fare anche gli allenatori. Se senti la fiducia e ti senti compreso, è più facile esprimersi. Ventura è stato un tecnico che ha trovato la chiave per estrarre il massimo".

In Liguria Cerci si augura di tornare a brillare. "Spero e conto che con mister Gasperini sarà lo stesso. Domenica ritrovo la Fiorentina dove ero stato molto bene, a parte problemi ambientali di poco conto. E' importante cercare di fare punti subito - ha evidenziato - La mia storia dice che le cose migliori le ho fatte sulla destra, dipende dalle intenzioni del tecnico, io mi metto a disposizione. Voglio ringraziare Figueiras per avermi ceduto il numero. L'undici è quello che mi ha accompagnato in questi anni, lo chiamo il mio numero".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Roma2024, Malagò: Atleti chiedono domani a Cinque Cerchi, no pregiudizi

Roma 2024, Malagò: Atleti chiedono domani a Cinque Cerchi

"Solo una cosa può pregiudicare un sogno, la paura di fallire"

Juventus, Allegri: Ora manteniamo questa concentrazione e fame

Juventus, Allegri: Ora manteniamo questa concentrazione e fame

La soddisfazione del tecnico bianconero dopo il poker contro la Dinamo Zagabria

La gaffe della Fifa: 'Buon compleanno Fernando Totti'

La gaffe della Fifa: 'Buon compleanno Fernando Totti'

Dall'account Twitter arrivano le scuse ma ormai il 'danno social' è fatto

Totti: Non ho mai cacciato un allenatore, sono sempre stato coerente

Totti: Mai cacciato un allenatore, io sempre coerente

"I tanti auguri da tutto il Mondo? Vuol dire che qualcosa di buono ho fatto"