Domenica 18 Giugno 2017 - 15:00

Centrosinistra, Prodi: Con Renzi ho parlato di necessità ricucire

"Non ho mai parlato di unità, ma di linee programmatiche comuni"

Centrosinistra, Prodi: Con Renzi ho parlato di necessità ricucire

"Andiamo a elezioni con quello che c'è, ma che questo sia un bene no, no e no". Così Romano Prodi a In 1/2 ora su Rai3. "Penso che sia giusto andare al voto con una nuova legge elettorale, sarebbe bene andare con una legge maggioritaria, ma se è utopia, si vada con questa... Prima o poi si dovrà fare una legge", ha aggiunto.

"Mai pronunciata la parola unità. Ho detto dobbiamo mettere a punto un programma comune perché la gente non sta capendo dove stiamo andando. Cerchiamo quali sono le linee di programma che possiamo avere in comune". Prodi ha aggiunto: "Non ho nessuna ambizione di fare il mediatore, di fare il collante sì". 

E sul 4 dicembre. "Al referendum io ho votato 'sì', sono stato dalla parte del perdente. Ma non si guarda sempre solo al passato, il referendum ha aperto una ferita dopo di che si va avanti". 

"Certo, ho parlato con Renzi del dopo referendum e della necessità di andare oltre la ferita aperta con il 4 dicembre, della necessità di aprirsi e stare attorno a un tavolo per ricucire le spaccature. E' un obbligo morale e un dovere politico farlo".

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Matteo Renzi ospite a Porta a Porta

Pd, Renzi 'indisponibile' a confronto con Di Maio. Gentiloni e Zingaretti attesi a Ravenna

La festa dell'Unità si terrà in Emilia dal 24 agosto al 10 settembre. È già polemica sull'invito al vicepremier pentastellato

Governo, festa M5s. Grillo suona la campanella

Beppe Grillo compie 70 anni. M5S lo omaggia: "Paziente 0 che ha diffuso virus"

Il fondatore del blog scherza su Twitter: "Vi aspetto su Marte per il Movimento 6 Stelle! Siamo oltre!"

Audizione di Tito Boeri in Commissione Lavoro e Finanze congiunte

Dl dignità, M5s contro Boeri: "Non è un tecnico ma un politico, si dimetta"

Nel frattempo continua il pressing dei partiti per modificare il decreto Dignità, e filtra l'idea di un'intesa M5S-Lega per introdurre le norme attraverso un apposito periodo transitorio

Al via il terzo giro di consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo governo

Pd, Grasso condannato a pagare oltre 83mila euro: "Pronto a ricorso"

Si tratterebbe della somma delle quote mensili di 1.500 euro che ogni eletto si impegna a versare al partito