Martedì 25 Luglio 2017 - 13:00

Centrosinistra, alleanza lontana: salta incontro Pisapia-Speranza

In una nota di Campo Progressista rinviato il meeting previsto per oggi a Roma tra il leader Pisapia e Speranza di Mdp

Convegno Mdp articolo uno

"Campo Progressista è nato per dar vita, insieme con altri, ad un nuovo soggetto politico di centrosinistra, alternativo al Pd e antagonista ai populismi e le destre, autonomo e indipendente, in netta discontinuità con il passato, aperto e inclusivo. Su questo progetto siamo impegnati e continuiamo a impegnarci con totale dedizione. Campo Progressista lavorerà affinché nei prossimi mesi, il Parlamento approvi provvedimenti urgenti e necessari in materia di lavoro, rilancio degli investimenti, lotta alla povertà e alle disuguaglianze e la legge sullo ius soli. C'è bisogno pertanto di una nuova soggettività politica come già richiamato nella piazza del primo luglio, e non di una semplice federazione, nella quale una sinistra di governo si riconosca pienamente con il contributo delle tradizioni politiche, civiche e sociali, ambientaliste e del cattolicesimo democratico. Non c'è spazio per una politica costruita con la testa rivolta all'indietro. L'obiettivo deve essere invece guardare al futuro dando risposte concrete ai problemi quotidiani del Paese. Queste condizioni positive, che allo stato non sono pienamente realizzate, vanno costruite con un progetto e un programma comune, per i quali continueremo con entusiasmo il nostro impegno. Per questi motivi abbiamo ritenuto utile rinviare l'incontro con gli esponenti di Mdp previsto per oggi". Così in una nota Campo Progressista

Articolo1-Mdp spinge perché Pisapia accetti i due temi indicati ieri da Speranza, vale a dire un'agenda programmatica chiara e netta oltre alla partecipazione democratica per legittimare assemblea costituente del nuovo soggetto. Secondo quanto si apprende, l'ex sindaco di Milano starebbe riflettendo in queste ore sulle proposte di Movimento democratico e progressista.

Il punto dirimente per Articolo1-Mdp è la partecipazione democratica all'assemblea costituente che vedrebbe la formazione di un nuovo soggetto di centrosinistra con Campo progressista e non solo. Questa, secondo quanto si apprende, la condizione decisiva posta dal movimento di Roberto Speranza a Giuliano Pisapia. "Quello che non vogliamo - spiegano le stesse fonti - è fare un cartello elettorale stile Sinistra Arcobaleno". 

"Non mi preoccupano le schermaglie e le polemiche lontane dalla vita delle persone", ha affermato Speranza. "Il primo luglio ha rappresentato il punto di partenza di un progetto decisivo per il futuro dell'Italia. L'obiettivo di Articolo Uno è costruire un nuovo centrosinistra largo e di governo che metta al centro il lavoro e l'equità sociale, in discontinuità netta con le politiche sbagliate degli ultimi anni. Serve all'Italia una nuova grande forza radicata sul territorio e non costruita nel chiuso delle stanze romane. Guardare al futuro significa prima di tutto operare per la più significativa partecipazione popolare al processo costituente che ci vede protagonisti. Noi andiamo convintamente avanti su questa strada", conclude.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Referendum sull'autonomia della Lombardia, a Lozza il voto di Roberto Maroni

Referendum autonomia, Veneto al 57,3%, trionfa il Sì al 98,1%. Lombardia: "Sì" al 95,2%

Alle 23 (573 comuni su 575) il Veneto al 57,3%%. La Lombardia è ufficialmente ferma ai 31,81% delle 19. Il dato definitivo dovrebbe essere intorno al 40%. Zaia: "Qui comincia il big bang. Chiederemo che restino i nove decimi delle tasse"

Referendum sull'autonomia del Veneto, a San Vendemiano il voto del governatore Luca Zaia

Referendum autonomia: alle 19 l'affluenza è del 50,1% in Veneto, Lombardia al 31,81%

Dai risultati dipenderà il potere contrattuale dei due presidenti di Regione nell'eventuale trattativa con il governo per ottenere la gestione a livello regionale di materie oggi di competenza centrale. Raggiunto il quorum in Veneto

Referendum, elettore fa più di 6mila km per andare a votare in Veneto

Referendum, elettore fa più di 6mila km per andare a votare in Veneto

Marco Gambaretto vive e lavora nel Golfo Persico ma ha deciso di tornare a San Giovanni Ilarione, in provincia di Verona, per andare alle urne

Mdp tende la mano al Pd. Ma Renzi: "Prima ok a Rosatellum"

Speranza apre ai dem e si dice pronto a una coalizione di centrosinistra