Domenica 09 Luglio 2017 - 13:45

Marchionne a Berlusconi: Io leader? Non ci penso

L'ad di Fca frena sull'ipotesi avanzata dal Cavaliere

Centrodestra, Marchionne: Io leader? Berlusconi un grande ma non ci penso nemmeno

"Berlusconi è un grande, ha spiazzato tutti, ma non ci penso neanche di notte". Il presidente della Ferrari e amministratore delegato di Fca Sergio Marchionne, parlando coi cronisti a Spielberg per seguire dai box della Rossa il Gp d’Austria di Formula 1, boccia l'endorsement di Silvio Berlusconi che ha ventilato la possibilità che potesse ricoprire il ruolo di leader del centrodestra. Una prospettiva che aveva scatenato le ire dei suoi possibili alleati, Giorgia Meloni e Matteo Salvini. Nel centrodestra non si placano le ostilità interne per il ruolo di candidato premier alle prossime Politiche, col presidente di Forza Italia diviso tra la volontà di essere in campo personalmente e quella di indicare una personalità autorevole e di sua fiducia, riservando per se stesso il ruolo di 'padre nobile'.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Rimini, Italia 5 Stelle 2017

Sondaggio Ixè/Radio1: M5S si conferma primo partito con 28 per cento

Il Pd scende perdendo 0,4% rispetto alla settimana scorsa e portandosi al 23,4%, mentre Forza Italia cresce dello 0,3%

Camera dei Deputati - Il deputato PD Francantonio Genovese

Messina, Genovese jr e padre indagati per riciclaggio: maxi sequestro di beni

Bufera giudiziaria sulla famiglia dell'ex deputato Francantonio. Coinvolto anche il figlio Luigi, il baby deputato FI eletto con con quasi 18.000 preferenze

FILE PHOTO: Forza Italia party leader Silvio Berlusconi gestures during a rally for the regional election in Palermo

Berlusconi, a Strasburgo udienza su incandidabilità. Lui: "Sono fiducioso"

Prima e unica udienza presentata dal leader Fi sulla legge Severino. La sentenza arriverà solo nel 2018

Assemblea nazionale di Articolo 1 - Mdp

Art 18, la proposta torna in Commissione. Speranza: "Finite aperture con Pd"

Per soli 26 voti la Camera ha mandato indietro il testo suscitanto l'ira del leader Mdp