Mercoledì 08 Giugno 2016 - 10:00

Catania, truffa all'Inps per 1,5 milioni: 377 denunciati

Operazione 'Tarocco' della Finanza contro indennità indebitamente erogate

Catania, truffa all'Inps per 1,5 milioni: 377 denunciati

 E' stata scoperta a Catania una truffa all'Inps per 1,5 milioni di euro. La guardia di finanza catanese, nel corso dell'operazione 'Tarocco' ha scoperto una truffa ai danni dell'Ente previdenziale per indennità indebitamente erogate. L'indagine è nata dal monitoraggio delle aziende agricole con un elevato numero di dipendenti assunti nella stagione della raccolta delle arance. I controlli sono stati avviati per verificare se la manodopera fosse stata realmente assunta o se invece si trattasse di assunzioni fittizie effettuare al fine di percepire le indennità previdenziali e assistenziali dell'Inps.
 

 Gli accertamenti sono stati condotti dai militari della compagnia di Caltagirone e hanno svelato l'esistenza di una associazione a delinquere composta da sei persone che hanno costituito una serie di società per mettere a segno la truffa. E' risultato che le imprese avessero assunto, tra il 2010 e il 2013, 377 falsi braccianti agricoli per un totale di circa 66mila giornate lavorative, consentendo dunque di ottenere indebite indennità previdenziali e assistenziali per circa 1,5 milioni di euro. Il controllo fiscale ha portato alla luce anche la mancata dichiarazione di 28 milioni di euro e un'evasione dell'Iva di 2,4 milioni di euro. Inoltre è emerso un 'giro' di fatture false per 52 milioni di euro.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Piogge e temporali sparsi: il meteo del 25 e 26 giugno

Le previsioni dell'aeronautica militare

Basta plastica usa e getta e protezione delle tartarughe: ecco i lidi amici del mare

La tutela del mare passa anche dagli stabilimenti balneari che si mettono in prima linea nella lotta all'inquinamento

LIBYA-EUROPE-MIGRANTS-NGO-AQUARIUS

Sette barconi con mille migranti davanti alla Libia, Proactiva Open Arms: "Italia rifiuta nostro aiuto"

Barcellona si offre come poro sicuro mentre la Lifeline invita Salvini a bordo. Mailbombing sul sito della guardia costiera: "Riprendete i soccorsi"