Giovedì 16 Giugno 2016 - 14:00

Catania, pregiudicato 27enne maltratta convivente: arrestato

L'uomo già noto per lesioni personali, percosse, danneggiamento ed ingiurie

Catania, pregiudicato 27enne maltratta convivente: arrestato

 Nella tarda mattinata di ieri è stato arrestato in flagranza di reato il pregiudicato catanese Michele Musumeci, classe 1989, responsabile di maltrattamenti in famiglia, atti persecutori e lesioni personali. Poco prima, infatti, era giunta una telefonata al 113: una donna aveva segnalato di essere stata aggredita dal convivente. I poliziotti hanno immediatamente individuato Musumeci - a carico del quale sono risultati precedenti per lesioni personali, percosse, danneggiamento ed ingiurie - e lo hanno immediatamente condotto in ufficio.

E' emersa la storia della donna che, avendo intrattenuto una relazione da diverso tempo con quell'uomo, era stata fatta oggetto di violenze psicologiche e fisiche e di atti persecutori, tutto ciò sin dall'inizio del rapporto. In diverse occasioni, il Musumeci non ha esitato a picchiare la donna. L'apice della violenza è stato raggiunto nella mattinata di ieri: Musumeci, al culmine dell'ennesima discussione originata da motivi di gelosia, dopo aver danneggiato la porta d'ingresso, ha colpito la vittima al viso e a un braccio, non prima di aver devastato l'appartamento all'interno del quale gli agenti operanti l'hanno rintracciata in lacrime ed in preda ad un forte stato d'ansia.

La giovane è stata medicata per le lesioni riportate al pronto soccorso dell'ospedale Garibaldi, giudicata guaribile in 5 giorni. Musumeci, al termine delle formalità di rito come disposto dal pubblico ministero, è stato posto agli arresti domiciliari in attesa di essere giudicato con rito direttissimo.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Mamma uccide figli a Suzzara in provincia di Mantova

Catania, due anziane sorelle uccise in casa: ipotesi rapina

I corpi trovati nella loro nella loro abitazione di Ramacca messa a soqquadro. Indagano i caraninieri

Processo a carico di Marco Cappato, accusato di aiuto al suicidio per vicenda dj Fabo

Dj Fabo, Cappato: "Era mio dovere aiutarlo a morire"

L'esponente dei Radicali al processo che lo vede imputato per aiuto al suicidio e per aver accompagnato in auto in Svizzera il 40enne milanese

Matteo Renzi visita la Tegim Telethon a Pozzuoli

Malattie rare: oltre 6mila patologie colpiscono 600mila italiani

Sono casi gravi, spesso letali, e spesso non esistono terapie disponibili