Mercoledì 19 Ottobre 2016 - 20:00

Donna incinta muore con 2 gemelli. Medico era obiettore

La 32enne, al quinto mese di gravidanza, era ricoverata all'ospedale Cannizzaro di Catania

Donna incinta muore con 2 gemelli. Medico era obiettore

Il marito di una donna 32enne incinta, morta domenica scorsa all'ospedale Cannizzaro di Catania, con i due gemelli che avrebbe dovuto dare alla luce, ha presentato un esposto in cui si chiede di verificare "se ci siano state negligenze, o imprudenze, imperizie diagnostiche o terapeutiche dei sanitari". Lo riferisce il legale tramite cui il marito della donna, Francesco Castro, si è rivolto per presentare l'esposto, Salvatore Catania Milluzzo. La paziente deceduta, Valentina Milluzzo, era attorno al quinto mese di gravidanza. "La donna - spiega l'avvocato Catania Milluzzo - era rimasta incinta grazie alla procreazione assistita. Aspettava due gemelli: un maschio e una femmina. Era stata bene fino al 15 ottobre scorso, poi era insorta la febbre e la situazione è precipitata in poche ore. Prima ha partorito i due gemelli nati morti, poi è deceduta. Una inchiesta è stata aperta dalla Procura di Catania".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Rigopiano, destini incrociati dei sopravvissuti Giampiero e Vincenzo

Rigopiano, destini incrociati dei superstiti Giampiero e Vincenzo

Uno è stato tra i primi ad essere salvati, l'altro ha passato più di 48 ore sotto la neve: il racconto di chi ce l'ha fatta

Rigopiano, si continua a scavare sotto la neve

Rigopiano, individuata la sesta vittima. Gentiloni: Più poteri a Protezione civile

La superstite: "Io, al buio in uno spazio stretto". Il bilancio è, per ora, di 11 sopravvissuti. I dispersi salgono a 24

Hotel Rigopiano, valanga potente come 4000 tir a 100 km l'ora

Hotel Rigopiano, valanga potente come 4000 tir a 100 km l'ora

Il calcolo lo fa il servizio Meteomont dei carabinieri

Papa: Incoraggio i soccorritori, sono vicino a famiglie vittime

Papa: Incoraggio i soccorritori, sono vicino a famiglie vittime

Il pontefice si è così rivolto alle popolazioni del centro Italia compite dal terremoto e dal maltempo