Mercoledì 18 Gennaio 2017 - 08:45

Contrabbando carburante: sequestrati 25 distributori

Eseguite 29 ordinanze di custodia cautelare a Catania

Catania, contrabbando carburante: sequestrati 25 distributori

Oltre 150 finanzieri del comando Provinciale di Catania stanno eseguendo 29 misure cautelari personali, di cui 14 arresti domiciliari e 15 provvedimenti di obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, e il sequestro preventivo di 25 impianti di distribuzione stradale di carburante, localizzati tra le province di Catania, Ragusa, Siracusa ed Enna. 

Alle 29 persone è contestata l'associazione a delinquere finalizzata al contrabbando di prodotti petroliferi che sarebbero stati immessi nel mercato nazionale evadendo le imposte (accise e Iva), l'utilizzo e l'emissione di fatture per operazioni inesistenti, falso ideologico, frode in commercio e turbata libertà del commercio. I particolari dell'operazione saranno illustrati nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle ore 10.30 presso il Comando provinciale della guardia di finanza di Catania.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Nuova operazione Carabinieri palazzi Athena Zingonia

Mafia, parla nuovo pentito. Cinque arresti: c'è anche il figlio dell'autista di Riina

Per gli inquirenti è il nuovo "reggente" del mandamento di San Lorenzo ed è accusato di diverse estorsioni

Maltempo a Roma

Meteo, fine settima variabile: vento forte e neve abbondante sulle Alpi

Le temperature saranno altalenanti: in calo sabato, in temporaneo rialzo domenica, torneranno a diminuire ancora nella giornata di lunedì

Salute, brusco aumento dei casi di influenza: in oltre 2 milioni a letto

Non solo la spremuta d'arancia, tutti i rimedi della nonna contro l'influenza

Gli agricoltori svelano i segreti per curare i malanni di stagione

Questura Milano - Arrestati tre italiani per spaccio, detenzione di armi e ricettazione

Dalla droga alla prostituzione, gli italiani spendono 19 miliardi in attività illegali

E il valore è aumentato negli ultimi 4 anni. La Lombardia è la regione con più elevato numero di segnalazioni