Domenica 12 Novembre 2017 - 14:30

Rajoy a Barcellona: "Recuperare Catalogna dal delirio separatista"

Il premier spagnolo torna per la prima volta da quando ha attivato l'articolo 155 della Costituzione

Rajoy press conference

Il premier spagnolo, Mariano Rajoy, è in Catalogna per la prima volta da quando ha attivato l'articolo 155 della Costituzione, commissariando di fatto la regione. Rajoy ha partecipato a Barcellona all'evento di presendazione del candidato del suo Partido popular, Xavier Garcia Albiol, alle elezioni del 21 dicembre per scegliere il nuovo presidente della Generalitat, a seguito della destituzione di Carles Puigdemont, ora in auto-esilio a Bruxelles. In Catalogna, Rajoy ha deciso di applicare l'articolo 155 della Costituzione "dopo avere esaurito tutte le strade" e perché così avrebbe fatto qualunque altro Paese che tenga al "rispetto di se stesso". "Dobbiamo recuperare la Catalogna dal delirio del separatismo" e "con la democrazia vogliamo recuperare la Catalogna per tutti", ha detto il premier.

Rajoy ha garantito che le elezioni del 21 dicembre saranno "pulite e legali per restaurare la democrazia. La maggioranza silenziosa e silenziata trasformi la sua voce in voto" e riempia "le urne di verità", ha aggiunto.

La visita di Rajoy giunge all'indomani della massiccia protesta di sabato a Barcellona, dove secondo i dati della Guardia urbana 750mila persone sono scese in strada per chiedere la liberazione di quelli che definiscono prigionieri politici, cioè gli otto ex ministri catalani agli arresti in Spagna e i cosiddetti 'due Jordi', cioè gli indipendentisti Jordi Sanchez e Jordi Cuixart, leader delle organizzazioni Asamblea nacional catalana (Anc) e Omnium. Per Rajoy, gli indipendentisti non riusciranno mai a "mettere a tacere" il Partito popolare di Catalogna (Ppc).

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

U.S.-NEW YORK-UNICEF-JUSTIN FORSYTH

Unicef, molestie a colleghe: si dimette il vice direttore

I comportamenti inappropriati risalgono a quando Justin Forsyth era il numero uno di Save The Children

Bruxelles, la conferenza stampa di Jean Claude Juncker

Elezioni, Juncker: "In Italia pronti a un governo non operativo"

L'allarme del presidente della Commissione Europea

Siria, bombardamenti contro le roccaforti ribelli

Siria, almeno 13 morti in bombardamenti su Goutha

Negli scorsi giorni i morti civili sono stati circa 335, di cui oltre 65 bambini