Martedì 10 Ottobre 2017 - 08:30

Catalogna, il giorno della verità: Puigdemont in Parlamento per l'indipendenza

L'incontro atteso alle 18. Durissimo il primo ministro Rajoy. La sindaca di Barcellona chiede più dialogo

Spanish Prime Minister Mariano Rajoy meets opposition leaders

La Catalogna si prepara ad aprire il percorso che la porterà all'indipendenza. Alle 18 Carles Puigdemont, il presidente della Generalitat, si presenterà di fronte al Parlamento di Barcellona. Potrebbe proclamare il divorzio immediato da Madrid, lasciare che sia il parlamento a decretarlo, o sospendere gli effetti della dichiarazione di indipendenza per avviare una trattativa.

Dalla capitale spagnola arrivano però prese di posizione durissime. Il primo ministro Mariano Rajoy assicura che il governo "farà tutto quello che serve" per impedire l'indipendenza della Catalogna. 

L'APPELLO DELLA SINDACA DI BARCELLONA. La prima cittadina di Barcellona, Ada Colau, ha chiesto a Rajoy e Puigdemont, di "non prendere alcuna decisione che potrebbe minare la possibilità di uno spazio per il dialogo" e agire "con la mente fredda e responsabile". Colau ha ribadito la richiesta a Puigdemont di non pronunciare la dichiarazione di indipendenza e a Rajoy di non applicare l'articolo 155 per la sospensione dell'autonomia catalana. "Bisogna lasciare la trincea e il linguaggio bellicoso. Rimane un po' di tempo, è il momento della mediazione. Non è il momento per uno scontro frontale ma per dialogare e di immaginare nuovi cammini".

CORTEO DEGLI INDIPENDENTISTI. I Mossos d'Esquadra hanno chiuso per tutta la giornata, "per motivi di sicurezza", il Parque de la Ciudadela, a Barcellona, dove si trova la sede del Parlamento. Dall'alba, i Mossos hanno posizionato alcuni furgoni davanti all'ingresso del Parque e davanti alla sede del Parlamento. Fonti della polizia catalana, hanno spiegato che la decisione di bloccare l'accesso al pubblico è legata alla volontà di garantire la sicurezza della zona, e hanno ricordato che durante la grande manifestazione di domenica, a favore dell'unità spagnola, un gruppo di persone ha distrutto una porta di accesso alla Cittadella per dirigersi verso il Parlamento, lanciando uova e oggetti vari. 

D'altro canto, l'Assemblea nazionale catalana (Anc) ha fatto sapere nella notte che è stata annullata la manifestazione indetta per oggi in appoggio alla dichiarazione di indipendenza di fronte alla sede del Parlamento catalano: la marcia è stata spostata al Paseo de Lluis Companys, di fronte al Parque de la Ciudadela, dove si trova l'edificio che ospita la Corte Suprema di Giustizia che da ieri è presidiata dalla polizia nazionale. Le piattaforme sovraniste, come la Anc e Òmnium Cultural, hanno indetto la manifestazione per il pomeriggio, in occasione della plenaria del Parlamento dove Puigdemont potrebbe dichiarare l'indipendenza della Catalogna.

L'accesso al parque e al Parlamento è consentito solo ai deputati e al personale della Camera, ai giornalisti accreditati che però devono superare alcuni controlli di sicurezza. Su richiesta dei Mossos, la Guardia urbana di Barcellona ha limitato il traffico di quattro strade adiacenti alla Cittadella (Marques de l'Argentera, Circumvallació, Passeig Picasso e Passeig Pujades) in cui è consentito l'accesso a determinati veicoli come i taxi. 

RAJOY AL CONGRESSO. Rajoy comparirà domani, alle 16, al Congresso per dare conto delle sue posizioni sulla sfida separatista della Catalogna. La presidente della Camera, Ana Pastor, si è detta preoccupata della situazione: in occasione della riunione della Consiglio dei capigruppi, Pastor comunicherà ufficialmente ai gruppi la convocazione della plenaria di domani pomeriggio, che si terrà in seguito alla sessione di controllo al governo di domani mattina senza la presenza di Rajoy.

La scorsa settimana, il Consiglio dei capigruppo aveva inserito all'ordine del giorno della plenaria di questa settimana la presenza del presidente senza però precisare la data esatta. Il presidente del governo ha espresso la volontà di comparire ma ha chiesto di attendere prima le misure adottate dai separatisti. In effetti, il presidente catalano, Carles Puigdemont, comparirà oggi nel Parlament della Catalogna, in una sessione che in cui potrebbe annunciare la dichiarazione unilaterale di indipendenza. 

 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

The Argentine military submarine ARA San Juan and crew are seen leaving the port of Buenos Aires

Argentina, sottomarino militare scomparso da 2 giorni nell'Atlantico: ricerche in corso

A bordo 44 membri dell'equipaggio. Sarebbe andato a fuoco il sistema radio all'interno dell'imbarcazione

A fire is seen in Manhattan, New York

New York, incendio in un palazzo di sette piani a Manhattan

È successo nella zona di Hamilton Height. Almeno 5 feriti

Terrorismo, Isis minaccia cristiani con foto Papa decapitato

Un messaggio di minaccia contro "i fedeli della croce"

Attentato Barcellona, gli oggetti in memoria delle vittime saranno trasferiti al Museo di Storia

Attentati Catalogna, la mente era un informatore dei servizi segreti

La rivelazione del quotidiano El Pais, confermata da Madrid. Si tratta dell'Imam di Ripoll: Abdelbaki Es-Satty